TLC. Aziende scorrette, occorre intervenire. I commenti di Aduc e Adiconsum

L’Antitrust ha in corso due distinti procedimenti a carico dei principali gestori mobili, Vodafone e Tim, "accusati" da consumatori e altri gestori mobili di rendere difficile la migrazione. Lo rende noto l’Aduc specificando nel dettaglio la pratica contestata: "il cliente Tim o Vodafone – sostiene l’Aduc -chiede di trasferire la propria utenza mobile ad altro gestore; le due Aziende, tramite telefonate e invio degli sms con modalita’ non corrette, invitano l’utente a revocare la richiesta di portabilita’, in cambio di molto convenienti condizioni tariffarie, ma descritte in modo confuso; promesse che poi non vengono rispettate".

L’Aduc fa sapere che in attesa della conclusione delle istruttorie, l’Antitrust ha deliberato per ambedue gli operatori la sospensione "in via cautelativa di ogni attivita’ volta ad offrire ai consumatori che abbiano avviato procedure di MNP (portabilita’ del numero), piani tariffari, promozioni e/o specifiche offerte particolari o personalizzate in mancanza di una loro indicazione completa, esplicita e adeguatamente documentata, in modo da consentire ai suddetti l’espressione di un consenso puntuale ed informato sulle caratteristiche e condizioni economiche delle offerte stesse".

Le istruttorie dell’Antitrust – conclude l’Aduc – confermano la giungla che regna nella telefonia italiana.

Secondo Adiconsum, invece, si rende necessaria l’immediata convocazione del Tavolo permanente Authority-Consumatori. "Le aziende di telefonia italiane, infatti, non rispettano più i consumatori – sostiene l’Associazione – Lo dimostrano le continue condanne inflitte dalle Autorità di regolazione. Le sanzioni elevate, purtroppo, non modificano il comportamento lesivo nei confronti dei consumatori, i quali continuano a subire, tra l’altro, superbollette senza giustificato motivo, pubblicità ingannevole e linee guaste".

Non bastano i richiami e gli inviti alle aziende pronunciati dall’Autorità garante per le comunicazioni e dall’Autorità per la concorrenza e il mercato come nell’ultima indagine congiunta – conclude Adiconsum – Occorrono azioni precise che costringano le aziende italiane a cambiare radicalmente comportamento nei confronti del consumatore.

Comments are closed.