TLC. Blocco chiamate a sovrapprezzo, Adiconsum: tutelati i consumatori

Il Consiglio dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni ha approvato ieri, dopo una consultazione pubblica, un nuovo provvedimento di blocco automatico delle chiamate verso le numerazioni a sovrapprezzo per contrastare fenomeni di addebiti ingannevoli in bolletta per servizi non richiesti. Il provvedimento si è reso necessario a seguito delle recenti sentenze del Consiglio di Stato, che hanno annullato per motivi procedurali il precedente sbarramento entrato in vigore il 1° ottobre 2008.

La nuova data di attivazione del blocco permanente è fissata per il 1° gennaio 2010, e riguarderà le chiamate da rete fissa. Anche dopo tale data, gli utenti avranno la possibilità di chiedere, con una semplice telefonata al proprio gestore, di rimuovere il blocco permanente o di sostituirlo con un blocco a PIN.

Adiconsum che si batte da sempre per l’introduzione del blocco a seguito delle migliaia di segnalazioni pervenute in questi anni dai consumatori che ricevevano bollette salate per servizi non richiesti, ha apprezzato la decisione dell’Agcom: "Eeviterà brutte sorprese al consumatore e contemporaneamente salvaguarderà la sua libertà di scelta: se intenderà fruire di tali servizi, dovrà farne esplicita richiesta" si legge nella nota dell’Associazione.

Comments are closed.