TLC. Caso shibari, Federconsumatori: “No allo sciacallaggio della comunicazione”

La tragica morte della ragazza soffocata durante un perverso gioco erotico, avvenuta qualche giorno fa a Roma, continua a tenere banco nelle trasmissioni radiotelevisive che mandano in onda, ad ogni orario, particolari piccanti della vicenda. Federconsumatori chiede un intervento urgente dell’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni, al fine di salvaguardare i minori dalla diffusione di notizie riguardanti il caso del gioco erotico.

"Sbattere in prima pagina notizie private su famiglie rispettabili, come quella della giovane vittima, è una violazione della legge sulla privacy che, quando serve, spesso non trova applicazione – denuncia l’Associazione dei consumatori – La diffusione di particolari su pratiche sessuali estreme in trasmissioni messe in onda senza alcuna protezione sta violando apertamente le norme a tutela delle fasce deboli". Secondo Federconsumatori l’Autorità deve vigilare sui diritti dei minori, accertando eventuali violazioni delle regole a tutela dell’infanzia e dell’adolescenza.

"Mandare in onda trasmissioni che spiegano nei dettagli le pratiche shibari o del bondage in orari centrali della giornata costituisce non solo un pericolo di emulazione da parte dei giovanissimi ma anche un incentivo alla documentazione di tali pratiche, diseducative per i minori. Chiediamo all’Autorità di porre al Comitato di applicazione del Codice di Autoregolamentazione Media e minori il grave tema sollevato e di avviare i procedimenti sanzionatori previsti per legge".

Comments are closed.