TLC. Chiamate12 da cellulari, Agcom interviene per contenere tariffe

L’Autorità per le garanzie nelle Comunicazioni ha adottato oggi un provvedimento teso a ridurre il costo delle chiamate da un cellulare verso le numerazioni 12 o 892. La norma stabilisce le misure cautelari per la riduzione delle cosiddette tariffe di originazione, vale a dire quanto dovuto dai fornitori di informazioni ai quattro operatori mobili da cui parte la chiamata.

L’Autorità ha infatti stabilito che la tariffa di originazione dovuta dai fornitori di servizi informazioni abbonati ai quattro operatori mobili (Tim, Vodafone, Wind e 3 Italia) possa essere al massimo uguale al doppio della corrispondente tariffa di terminazione, "con una consistente riduzione degli attuali prezzi. Il risparmio così conseguito dai fornitori dei servizi di informazione abbonati – spiega una nota – si rifletterà sui prezzi applicati dagli stessi fornitori alla propria clientela".

In sostanza, quindi, dal momento che i servizi di informazione pagheranno di meno i gestori, dovrebbero scendere anche i prezzi che gli utenti pagano per avere le informazioni. Per assicurarsi che questo processo virtuoso si inneschi, l’Autorità ha anche avviato "un’attività di monitoraggio per garantire che vi sia un effettivo risparmio per i consumatori". La decisione dell’Autorità è per il momento provvisoria: le misure adottate dovranno infatti essere confermate entro la fine di gennaio 2007, quando è prevista la conclusione dell’analisi del mercato 15 bis (quello, appunto, relativo al servizio di originazione da rete mobile di chiamate verso numerazioni non geografiche per i servizi di informazione abbonati).

Comments are closed.