TLC. Conciliazione, Giudice di Pace di Fondi condanna Telecom a risarcire un consumatore

La conciliazione, nel settore delle telecomunicazioni, continua a dare risultati positivi. Telecom Italia è stata condannata al pagamento di quanto stabilito in sede di conciliazione e delle spese legali sostenute dall’utente, cui la società di telefonia ha addebitato costi relativi a collegamenti ad Internet mai effettuati. Lo ha stabilito una sentenza emessa dal Giudice di Pace di Fondi. La vittima si era rivolta, ad ottobre 2007, alla Confconsumatori Federazione Provinciale di Latina, lamentando addebiti su fattura di costi relativi a collegamenti internet mai effettuati. Attivata la normale procedura di reclamo ci si è rivolti alla Camera di Conciliazione Paritetica istituita proprio da Telecom Italia S.p.A. In questa sede i conciliatori hanno riconosciuto al consumatore la somma di 392,40 euro che, nonostante i numerosi solleciti, non è stata mai corrisposta. I legali dell’Associazione hanno notificato l’atto di citazione per il riconoscimento di quanto dovuto, e il Giudice di Pace di Fondi ha riconosciuto il diritto del consumatore condannando la Telecom Italia S.p.A. al pagamento della somma dovuta, degli interessi legali e delle ulteriori spese legali che sono state sostenute.

"Ancora una volta – afferma l’avv. Franco Conte, Presidente Provinciale della Confconsumatori – si è dovuti assistere alla prepotenza del gestore telefonico di turno il quale anche avendo riconosciuto il proprio obbligo nei confronti del consumatore, ha comunque continuato a porre in essere comportamenti dilatori e ostruzionistici. E’ grave che ogni volta si debba essere costretti a iniziare un giudizio per recuperare una somma dovuta. Allo stesso tempo è importante ricordare ai consumatori di non rinunciare mai ai propri diritti e che comunque ci si può rivolgere alla Confconsumatori per ricevere assistenza e consulenza anche a mezzo dei propri legali".

Comments are closed.