TLC. Confronto on line tariffe, dall’Agcom le regole per i motori di ricerca

L’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni ha approvato la delibera con la quale prevede la procedura per l’accreditamento delle società interessate a sviluppare motori di ricerca on line per il confronto delle tariffe mobili. Il presupposto delle delibera sta nella considerazione che i motori di calcolo tariffario, consentendo un confronto tra i prezzi applicati dai diversi operatori, possono costituire un valido strumento per aumentare la trasparenza dei piani tariffari e delle nuove offerte proposte dagli operatori, e pertanto tradursi in una più efficace tutela dei consumatori nel rapporto utente-gestore, oltre che in un miglioramento delle dinamiche competitive di settore.

Primi requisiti necessari per l’ammissibilità dell’istanza di valutazione – si legge nella delibera – sono l’esperienza (deve essere provato di aver gestito motori di calcolo da almeno un anno utilizzati da almeno 2000 utenti) e l’indipendenza dagli "operatori di comunicazione elettronica". In particolare, per quel che riguarda il requisito dell’indipendenza, "è ostativo ogni rapporto di controllo o collegamento, anche indiretti, tra qualsiasi operatore di comunicazioni elettroniche e il soggetto titolare del motore di calcolo".

Il gruppo di valutazione chiamato a verificare la sussistenza dei requisiti è composto da funzionari ed esperti di area tecnica, economica e giuridica nominati con determina del Segretario Generale dell’Autorità: la valutazione consta di due distinte attività di analisi ovvero, l’analisi qualitativa delle caratteristiche dei motori di calcolo e l’analisi quantitativa delle caratteristiche dei motori di calcolo.

La delibera specifica, poi, le caratteristiche tecniche degli eventuali motori di ricerca specificando, tra l’altro, che:

  • Il motore di calcolo dovrà essere agevolmente e gratuitamente accessibile anche dai consumatori che non abbiano a disposizione una connessione ad Internet a banda larga; esso dovrà inoltre essere utilizzabile in modalità off-line, consentendo di eseguire on- line il solo invio dei dati di aggiornamento del software, anche relativi ai nuovi piani tariffari aggiunti e necessari per il confronto. Dovrà essere garantita l’accessibilità al motore di calcolo anche ai diversamente abili, con particolare riferimento ai non vedenti ed ai non udenti.
  • I risultati dei confronti dovranno essere ordinabili utilizzando come principale criterio quello del prezzo del servizio.
  • Il servizio di motore di calcolo deve essere corredato da una spiegazione chiara del modo in cui avviene il confronto e delle eventuali approssimazioni/limitazioni previste nel calcolo.
  • I soggetti titolari dei motori di calcolo non devono compiere discriminazioni tra gli operatori all’atto della presentazione dei risultati.
  • Il motore di calcolo deve fornire in maniera dettagliata i dati relativi a tutte le tipologie di offerte tariffarie proposte dagli operatori attivi sul mercato, indicando anche dati relativi ad eventuali promozioni, offerte particolari, sconti, opzioni, agevolazioni per particolari categorie di utenti svantaggiati.
  • I dati relativi alle tariffe utilizzate nelle offerte, su cui si basano i calcoli del motore, devono essere aggiornati contemporaneamente agli aggiornamenti tariffari effettuati dagli operatori.
  • Il motore di calcolo deve consentire anche confronti tra piani tariffari ed offerte non più sottoscrivibili, ma ancora utilizzati dagli utenti.
  • I motori di calcolo devono tenere in considerazione la dislocazione geografica e la tipologia dell’utente in relazione alle varianti affari, residenziale, disabile, etc., in modo da poter rappresentare in confronto tra loro anche solo le tariffe dei servizi disponibili nella zona geografica e per tipologia coerente con le caratteristiche dell’utilizzatore.

 

Comments are closed.