TLC. Costi di ricarica, i commenti di MC e Adiconsum

Da lunedì entra in vigore l’abolizione dei costi di ricarica per i cellulari, ma sarà anche possibile recedere dai contratti e trasferirli presso altri operatori senza costi non giustificati né ritardi. Il Movimento Consumatori consiglia ai consumatori di aspettare e, per il mese di marzo, di non cambiare piano tariffario, ne’ accettare offerte di nuovi prodotti da parte del proprio operatore o di altri concorrenti.

Questo perché molti operatori telefonici stanno mettendo sul mercato nuovi piani tariffari; gli operatori inoltre dovranno nell’arco del mese di marzo adeguare le proprie offerte al nuovo regolamento dell’Autorità; da lunedì infine sarà possibile cambiare operatore più facilmente e senza costi.

"Prevediamo – ha commentato Lorenzo Miozzi, presidente del Movimento Consumatori – che inizi una doppia offensiva degli uffici di marketing, diretta sia nei confronti dei clienti sia dei possibili nuovi clienti. Operazione che potrebbe tramutarsi in vantaggi per i consumatori. Inoltre, aspettando qualche settimana l’Autorità e le associazioni dei consumatori avranno modo di verificare il pieno rispetto del Decreto Bersani".

Adiconsum annuncia invece di denunciare, a partire da lunedì 5 marzo, i gestori che continueranno a pretendere il costo della ricarica. Come appreso dagli organi di stampa, un gestore, Wind, pare voglia applicare l’abolizione dei costi fissi di ricarica soltanto ai nuovi clienti, disattendendo così gli obblighi di legge. Se così fosse sarà conseguenza inevitabile la denuncia, da parte di Adiconsum, all’Autorità giudiziaria.

L’associazione prende atto del comportamento corretto di Vodafone, che abolirà i costi di ricarica senza alterate le tariffe per i vecchi clienti. Le nuove tariffe verranno infatti applicate solo ai nuovi contratti. Ancora meglio H3G, che ha abolito i costi di ricarica sin da oggi, mantenendo inalterati i piani tariffari, sia per i vecchi che per i nuovi clienti. Rimane sospeso il giudizio su Tim, che non ha ancora reso note le sue decisioni.

 

Comments are closed.