TLC. Dahlia Tv, Adoc: incomprensibile l’atteggiamento della Lega Calcio

La Lega Calcio ha deciso di non riassegnare, per la stagione in corso, i diritti per la trasmissione della partite di 8 squadre di Serie A e di tutta la Serie B, in precedenza appartenenti alla società Dahlia Tv, posta in liquidazione. "L’atteggiamento della Lega Calcio afferma di proteggere il valore del prodotto ma non protegge affatto i diritti e gli interessi dei consumatori" dichiara Carlo Pileri, Presidente dell’Adoc, che aggiunge: "Gli ex abbonati sono stati abbandonati a sé stessi e saranno costretti a rinunciare alla visione delle partite della propria squadra o ad acquistare nuovi abbonamenti sui canali satellitari, che come avvoltoi hanno approfittato della situazione per promuovere pacchetti appositi. Pertanto chi vorrà seguire le fasi finali dei campionati dovrà spendere tra gli 80 euro, per la Serie B, e 90 euro per la Serie A".

Per tutelare i circa 300mila abbonati l’Adoc ha predisposto una richiesta di rimborso di quanto pagato da inviare a Dahlia e disponibile sul sito dell’Associazione. A tale proposito, l’Adoc informa i consumatori che non hanno ricevuto alcuna risposta in merito alla richiesta di rimborso inoltrata, che i propri legali stanno predisponendo un modulo, disponibile la prossima settimana, per l’insinuazione al passivo.

Comments are closed.