TLC. Digitale terrestre, Adiconsum chiede incentivo esteso a tutti i decoder

Ci siamo! A partire da martedì prossimo, 16 giugno, per 2.700.000 romani e 4.500.000 laziali, Raidue e Retequattro saranno visibili solo sul digitale terrestre, in attesa che a novembre il segnale analogico si spenga definitivamente per tutti gli altri canali generalisti ed avvenga il cosiddetto switch-off. E’ stata ignorata, dunque, la richiesta dell’assessore alla tutela dei consumatori della Regione Lazio, Vincenzo Maruccio, di posticipare la data del passaggio al digitale al 1° agosto.

Ma non è solo l’avvicinarsi della data a creare "scompiglio" tra gli utenti laziali. Sebbene una recente ricerca della Makno rilevi che il 47 per cento delle famiglie televisive laziali è già dotato di un decoder per il digitale terrestre, in tempi di crisi è comunque non facile convincere le famiglie ad acquistare in tutta fretta un decoder. "Le modalità con cui lo Stato ha stabilito l’incentivo di 50 euro per l’acquisto del decoder digitale ha dell’assurdo", sostiene Adiconsum che aggiunge: "Destinare l’incentivo solo all’acquisto dei decoder più cari, quelli con l’interattività e la pay-tv è una scelta inaccettabile per le famiglie a basso reddito". I decoder in commercio, infatti sono di due tipi: uno che consente solo la visione dei canali in chiaro (e per questo più economici), l’altro che invece dà accesso, dietro l’acquisto di una card, alla visione dei canali a pagamento.

"Con l’incentivo di 50 euro – spiega Adiconsum – sarebbe possibile acquistare almeno un decoder gratuito, poiché il costo dei c.d. zapper per la sola visione dei canali in chiaro si aggira fra i €30 e i €50".

L’Associazione denuncia la scelta di limitare l’incentivo solo ai decoder più cari, che di fatto costringe le fasce deboli a sostenere un costo di propria tasca di circa €50. Secondo Adiconsum si tratta di una misura di concorrenza sleale e per questo motivo l’Associazione invita l’Autorità Garante per la concorrenza ed il mercato e l’Agcom di valutare questa misura.

Comments are closed.