TLC. Digitale terrestre, Codacons lancia azione collettiva per rimborsi canone Rai

Il passaggio al digitale terrestre sta avvenendo con non pochi problemi. In alcune regioni d’Italia, tra cui il Lazio, i cittadini hanno già dovuto dire addio a Rai2 e a Rete4. Per continuare a guardare la programmazione di questi canali è necessario acquistare un decoder o un nuovo televisore dotato di questo apparecchio. Già numerose Associazioni dei consumatori hanno sollevato la questione del canone Rai: chi l’ha pagato per il 2009 e non vuole o non può acquistare nuovi apparecchi, non ha la possibilità di assistere alla programmazione di alcuni canali Rai.

E dopo molte segnalazioni e proteste giunte al Codacons, l’Associazione ha deciso di avviare una causa collettiva in favore di quanti intendano chiedere la restituzione di un terzo del canone, in relazione all’impossibilità di vedere Rai2 senza decoder. Il presidente Codacons Carlo Rienzi ha pubblicato sul suo blog www.carlorienzi.it il modulo da compilare e inviare all’Agenzia delle Entrate di Torino (che si occupa della riscossione del tributo) col quale si chiede il rimborso di un terzo del canone Rai. "La richiesta – spiega Rienzi – è essenziale ai fini di una futura azione legale collettiva da parte dei teleutenti senza decoder".

Comments are closed.