TLC. Domani il Consiglio dei Ministri Ue discute il pacchetto telecom

Domani a Bruxelles si riunirà il Consiglio dei Ministri Ue alle Tlc per adottare conclusioni sul pacchetto telecom. In particolare, il compromesso finale prevedrebbe la costituzione di un organismo comunitario di controllo del settore delle Tlc denominato Berec, che sostituirà l’attuale Erg, l’organismo dei regolatori europei.

La nuova Autorità, insieme alla Commissione Ue, potrà fare delle osservazioni sulle misure prese dai singoli Stati nel settore delle tlc, inviando delle raccomandazioni che però non sono legalmente vincolanti. Inoltre si riconosce il rischio di investimento delle imprese delle tlc, a patto che gli operatori del settore rispettino le regole della concorrenza, a partire dai prezzi per l’accesso alle reti di nuova generazione che devono rispettare sempre il principio della non discriminazione.

Se l’intesa sarà raggiunta stanotte, la nuova riforma entrerà in vigore dal primo gennaio 2010. Un altro tema importante in discussione domani è l’accessibilità alla società dell’informazione. Il 15% degli europei soffre di qualche forma di disabilità che si traduce in barriere nella lettura di siti web o nell’utilizzo servizi di uso comune, come i telefoni. A dicembre 2008 la Commissione Ue ha adottato una dichiarazione che proponeva un’azione comunitaria di standardizzazione e di sostegno finanziario alla ricerca e allo sviluppo di soluzioni tecnologiche. Il Consiglio deciderà quali misure indicare ai Governi per migliorare l’accessibilità all’interno dell’Ue.

Altra questione in agenda è l’investimento sulle tecnologie informatiche e della comunicazione, che possono avere un ruolo importante nell’affrontare la crisi economica. A novembre 2008 la Commissione Ue aveva proposto di investire fondi comunitari per assicurare la copertura del 30% delle zone rurali che attualmente non hanno accesso ad internet.

Infine, i Ministri Ue domani discuteranno del ruolo delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione nella sfida al cambiamento climatico, visto che contribuiscono alla riduzione di emissioni; del futuro della sicurezza della rete in Europa

Comments are closed.