TLC. Domani switch over in Piemonte

Domani, 20 maggio, nelle province di Torino, di Cuneo e in parte in quelle di Asti avverrà la transizione dalla tv analogica a quella digitale: la prima fase dello "switch over" prevede che da una certa data le trasmissioni di Raidue per la RAI e Rete4 di Mediaset siano ricevibili non in analogico ma col digitale terrestre. Questo passaggio e’ già operante in Valle d’Aosta e in Trentino. Prossimamente, il 16 giugno, toccherà a Roma e in parte della provincia di Latina; dal 10 settembre in Campania. Al fine di informare gli utenti, la Rai ha inviato una lettera agli abbonati oltre ad uno spot in tv. Di seguito il testo della lettera.

 

"Gentile abbonato,
da tempo si parla della nuova Tv, quella che usa la tecnologia digitale terrestre: ora sta per arrivare.
Questa nuova Tv avrà immagini di migliore qualità e molti più canali. La Rai, ad esempio, oltre a Raiuno, Raidue e Raitre con un nuovo Televideo, aumenterà la propria offerta con Rai4, Raisport più, Rainews24, Raistoria, Rai Edu 1 e Rai Gulp.

Il passaggio alla tecnologia digitale terrestre è stato deciso dalla Comunità Europea che obbliga quindi anche l’Italia a spegnere l’attuale segnale analogico entro il 2012. Il Ministero dello Sviluppo Economico – Dipartimento Comunicazioni ha fissato i tempi del passaggio per le varie regioni italiane. Tutte le emittenti, compresa la Rai, devono rispettare queste scadenze.
Entro la fine di quest’anno, in numerose regioni, la televisione analogica terrestre sara’ sostituita dalla Tv digitale, che richiede alcuni interventi per essere vista.

I televisori, comprati anni fa, potranno ricevere la Tv digitale terrestre solo se saranno dotati di un apposito "decoder", un piccolo apparecchio da collegare al cavo dell’antenna e dall’altra parte al televisore. I "decoder" per il digitale terrestre (da non confondere con quello per la ricezione via satellite) sono da tempo in vendita, ma e’ necessario fare attenzione a cosa si compra. Le consigliamo di chiedere al negoziante per essere sicuri che l’apparecchio funzioni regolarmente.

Per agevolare l’importante fase di passaggio alla nuova tecnologia digitale è stata prevista l’erogazione di un contributo statale a favore degli abbonati Rai che non abbiano già usufruito in passato di tale contributo. Tale buono di € 50 è messo a disposizione dal Ministero dello Sviluppo Economico, Dipartimento per le Comunicazioni, per l’acquisto o noleggio di un decoder digitale interattivo presso tutti i rivenditori che aderiscono all’iniziativa a favore, però, solo di alcune categorie di beneficiari. Per conoscere i requisiti necessari per usufruire di tale contributo è possibile consultare o il sito www.decoder.comunicazioni.it o chiamare il numero verde 800.022.000 dal lunedì al sabato, escluso i giorni festivi, dalle ore 8:00 alle ore 20:00. Il contributo consiste in una riduzione del prezzo complessivo del decoder, Iva inclusa, al netto di ogni eventuale sconto commerciale, non può essere corrisposto più di una volta per ciascun cliente e non può superare in alcun caso il prezzo di vendita

I nuovi televisori in commercio invece, in conformita’ con la nuova normativa, sono già predisposti per ricevere automaticamente il segnale digitale terrestre e non hanno quindi bisogno del "decoder". Per maggiore sicurezza, e’ bene chiederne conferma al negoziante.

Per ricevere la Tv digitale terrestre basta l’attuale antenna televisiva e non serve la parabola che riceve solo i segnali del satellite. Ovviamente è necessario che l’antenna sia ben orientata e che sia ancora efficiente. Se il suo palazzo ha un’antenna condominiale conviene attivare l’amministratore per gli eventuali controlli.

La transizione al digitale avverra’ secondo un calendario che prevede due fasi. La prima, chiamata tecnicamente "switch over", prevede che da una certa data le trasmissioni di Raidue per la RAI e Rete4 di Mediaset siano ricevibili non in analogico ma col digitale terrestre. Questo passaggio e’ già operante in Valle d’Aosta e in Trentino e dal 20 maggio in Piemonte, per le province di Torino e Cuneo e parte della provincia di Asti; dal 16 giugno a Roma e in parte della provincia di Latina; dal 10 settembre in Campania.

La seconda fase, denominata "switch off", cioè il passaggio totale al digitale terrestre e lo spegnimento del segnale di trasmissione analogico, e’ prevista a partire dal settembre prossimo con queste date:

  • 14 / 23 settembre Valle d’Aosta
  • 24 settembre / 9 ottobre Piemonte, per le province di Torino, di Cuneo e parte della provincia di Asti
  • 15 / 30 ottobre Trentino
  • 26 ottobre / 13 novembre Alto Adige
  • 16 / 30 novembre Lazio, esclusa provincia di Viterbo
  • 01 / 16 dicembre Campania

Per avere maggiori informazioni e rispondere alle sue domande e’ a disposizione un numero telefonico del Ministero con chiamata gratuita, il cosiddetto "numero verde": 800022000.
Inoltre puo’ consultare il sito internet del Ministero dello Sviluppo Economico – Dipartimento Comunicazioni: www.decoder.comunicazioni.it

La RAI inserira’ tutte le notizie su Televideo alla pagina numero 459 e sulle pagine regionali, oltre a dedicare adeguati spazi di informazione nei TG e nei GR Regionali, ma anche nelle trasmissioni televisive e radiofoniche".

 

Comments are closed.