TLC. Easy Download, vittoria di Confconsumatori Roma: società ritratta richiesta pagamento

Nuova vittoria di Confconsumatori di Roma contro il sito Easy Download: nei contratti online la società ha l’obbligo di indicare la sede, consegnare copia della nota d’ordine e le dimensioni dei caratteri delle condizioni non devono essere inferiori al resto del testo. È quanto segnala l’associazione ripercorrendo la disavventura di una associata in relazione ai servizi offerti dal sito: scaricando infatti un programma presentato come gratuito, si è ritrovata con la richiesta di pagamento di ben 96 euro per un presunto contratto "accettato" senza alcuna denominazione precisa della società richiedente e della relativa sede.

Le contestazioni effettuate direttamente dal socio non avevano avuto alcun effetto costringendolo pertanto a rivolgersi alla Confconsumatori di Roma, dove è stata prestata la dovuta assistenza fino ad ottenere il successo, informa l’associazione. Commenta il presidente Confconsumatori Lazio Barbara D’Agostino: "Nel caso specifico in seguito all’intervento scritto della Confconsumatori in cui si contestava la validità e la regolarità del presunto contratto "accettato" con espressa minaccia di denuncia presso le Authority competenti, la società richiedente ha ritrattato ogni richiesta di pagamento".

Il consiglio di Confconsumatori Roma per i consumatori è " leggere sempre tutto con attenzione e diffidenza, e a chi abbia ricevuto tali richieste di pagamento si specifica che il Codice del consumo prevede l’obbligo a carico della società richiedente di indicare la denominazione e la sede della società, nonché la consegna della copia della nota d’ordine recante l’indicazione del luogo e della data di sottoscrizione, nonché l’obbligo di caratteri tipografici uguali o superiori a quelli delle altre informazioni".

Comments are closed.