TLC. Equo compenso, MDC: si rischia mercato nero

No alla "nuova tassa Bondi". Oltre ai rincari, si rischia infatti la nascita di un mercato nero per evadere quello che diventerebbe una sovrattassa. È quanto ribadisce il Movimento Difesa del Cittadino: secondo Francesco Luongo, responsabile del Dipartimento Nuove tecnologie dell’associazione, l’equo compenso per copia privata su cellulari, decoder, console per videogiochi insieme a cd, dvd e masterizzatori non è altro che una tassa. Contro la quale le associazioni Altroconsumo, Cittadinanzattiva, Adiconsum, Movimento Difesa del Cittadino e Assoutenti hanno fatto ricorso al Tar Lazio.

"Un balzello – secondo Luongo – che farà incassare milioni di euro alla Siae, aumentando di fatto il prezzo di cellulari, masterizzatori, decoder. Per questi ultimi si prevede un aumento da 6,44 a 28,98 euro in più a seconda dell’ampiezza della memoria. Altra conseguenza direttamente collegata a questa gabella sarà naturalmente una riduzione delle vendite e la nascita di un vero e proprio mercato nero degli apparati venduti in questo modo per evadere l’equo compenso".

Comments are closed.