TLC. Europarlamento approva nuove tariffe roaming

Da luglio telefonate in roaming meno care. L’Europarlamento ha infatti approvato con 646 voti a favore, 22 contrari e 9 astensioni le nuove eurotariffe per telefonate, gli sms e l’accesso a internet effettuati in un altro Paese europeo, che saranno tagliati progressivamente a partire dal 1 luglio 2009. L’approvazione è arrivata nel corso della Plenaria in corso a Strasburgo.

Allorché un cliente entra in uno Stato diverso da quello della rete d’origine, il regolamento impone a ciascun fornitore del paese di origine di fornirgli le informazioni essenziali personalizzate sulle tariffe di roaming (comprensive di IVA) che gli vengono addebitate per l’effettuazione o la ricezione di chiamate e l’invio di sms nello Stato visitato. Tali informazioni andranno fornite "automaticamente mediante un servizio messaggi, senza indebito ritardo e gratuitamente".

Secondo il testo approvato, dal 1 luglio 2009 le telefonate in roaming non potranno superare i 43 centesimi al minuto per quelle effettuate e i 19 centesimi per quelle ricevute; dal 1 luglio 2010, la tariffa dovrà scendere a un massimo di 39 centesimi per le telefonate effettuate e 15 centesimi per quelle ricevute; dal 1 luglio 2011, infine, le telefonate effettuate non potranno superare i 35 centesimi al minuto e quelle ricevute gli 11 centesimi al minuto.

Scendono inoltre le tariffe per l’invio di sms, che dal 1 luglio 2009 non potranno costare più di 11 centesimi. L’Europarlamento ha inoltre stabilito i tetti delle tariffe per la navigazione internet mobile in un altro Stato europeo: dal 1 luglio 2009 c’è un tetto di 1 euro a megabyte scaricato, che scenderà a 80 centesimi per megabyte dal 1 luglio 2010 e a 50 centesimi a megabyte dal 1 luglio 2011. Al via anche misure di protezione contro le "bollette shock" per download fatti dall’estero: si potrà infatti attivare un meccanismo di blocco una volta toccato un tetto di 50 euro che si applicherà automaticamente a tutti i consumatori che non abbiano fatto una scelta diversa entro il 1 luglio 2010.

Comments are closed.