TLC. Facebook, allarme fuga di dati

Dopo il mega attacco hacker subito da Sony, che ha messo a rischio i dati di milioni di utenti della rete, arriva un nuovo allarme e riguarda uno dei social network più famosi del momento: Facebook. Sul blog ufficiale di Symantec, la società specializzata in sicurezza informatica, si legge che Facebook potrebbe aver rivelato accidentalmente negli ultimi anni alcune informazioni personali degli utenti a soggetti terzi, in particolare inserzionisti.

Secondo la società, oltre ad avere accesso alle informazioni personali come profili, fotografie e chat, i soggetti terzi potrebbero aver avuto la capacità anche di postare messaggi. Symantec stima che fino ad aprile 2011, 100.000 applicazioni hanno avuto questa perdita di dati. La società consiglia agli utenti del social network di cambiare la password di accesso.

L’Adoc ha inviato un esposto al Garante della privacy. "Abbiamo richiesto al Garante della privacy di verificare immediatamente la possibile fuga di dati sensibili da Facebook, come affermato dalla società Symantec – dichiara Carlo Pileri, Presidente dell’Adoc – inoltre, abbiamo richiesto alla società californiana di fornire al più presto chiarimenti sulla questione. Secondo Symantec soggetti terzi avrebbero avuto accesso a informazioni personali come profili, fotografie e chat. Una grave violazione della privacy, dalle dimensioni mostruose. Basti pensare che, secondo le ultime rilevazioni, gli utenti italiani sono oltre 16 milioni. Dopo l’attacco di hacker a Sony, che ha messo a rischio i dati di circa 100 milioni di utenti nel mondo, un’eventuale perdita di dati da Facebook costringerebbe a ripensare, a livello internazionale, i sistemi di protezione e sicurezza dei dati online degli utenti".

Comments are closed.