TLC. Grande Fratello, Antitrust avvia procedimento istruttorio

L’Antitrust ha deciso di vederci chiaro sul televoto del Grande Fratello e, a seguito della segnalazione inviata dall’Unione Nazionale Consumatori, ha deciso di avviare un procedimento istruttorio a carico di RTI (Reti Televisive Italiane Spa) con riferimento alla pratica commerciale consistente nella promozione e gestione del sistema del televoto. Massimiliano Dona esprime "soddisfazione per l’iniziativa avviata dall’Antitrust (nei confronti di RTI, Telecom Italia e TXT Polymedia), volta a verificare le ipotesi di violazione degli artt. 21 e 22 del Codice del consumo e utile per fare chiarezza sul televoto".

In particolare, il risultato delle selezioni, nel caso concreto, si legge nel provvedimento dell’Antitrust, "potrebbe essere stato alterato per effetto di alcune anomalie nel meccanismo del televoto, inducendo così i telespettatori a sostenere un onere economico senza poter realmente incidere sui risultati dello stesso".

Secondo l’AGCM, oggetto di valutazione sono "le informazioni che RTI avrebbe fornito ai telespettatori relativamente al suddetto servizio e , nello specifico, l’idoneità dei super a scorrimento veloce o fissi, apparsi durante le trasmissioni, a veicolare le informazioni rilevanti ai fini di una determinazione commerciale consapevole da parte del consumatore".

Comments are closed.