TLC. Grande Fratello, UNC si rivolge all’Antitrust e all’Agcom

Secondo l’Unione Nazionale Consumatori "devono essere rimborsati i soldi spesi dai consumatori per votare sulla riammissione nella casa del Grande Fratello del concorrente Massimo Scattarella". Nella puntata del reality show andato in onda ieri sera, infatti, è intervenuto in diretta con un comunicato ufficiale per sancire l’eliminazione di tre concorrenti che si sarebbero macchiati durante questa edizione di alcune espressioni blasfeme. Tra questi concorrenti l’editore ha ritenuto di dover includere anche Massimo Scattarella, concorrente che era stato escluso nella passata edizione, ma che era stato riammesso solo una settimana fa, in seguito alla votazione del pubblico che si era espresso grazie al televoto per la sua riammissione. "La decisione dell’editore -spiega Massimiliano Dona, segretario generale dell’UNC – oltre ad essere discutibile dal punto di vista regolamentare, non essendosi il concorrente Scattarella macchiato di nuovi comportamenti scorretti, lede l’interesse di tutti i consumatori che hanno partecipato solo una settimana fa al televoto".

L’avvocato Dona non ha dubbi e ritiene che "sia i consumatori che si sono espressi favorevolmente, tanto coloro che hanno espresso il loro televoto per negare la riammissione del concorrente, sono stati ingannati". Per difendere i loro interessi, l’Associazione sta raccogliendo le segnalazioni di quanti lamentano tale lesione dei propri diritti per attivare una azione di classe ai sensi dell’articolo 140-bis del Codice del consumo: è inammissibile prendersi gioco così dei cittadini e l’intervento dell’editore giustifica una azione risarcitoria da parte di tutti coloro che hanno esercitato il televoto". Invitiamo gli interessati a segnalarci il loro caso scrivendo a info@consumatori.it .

Già questa mattina, intanto, l’Unione Nazionale Consumatori ha depositato presso l’Autorità per le Garanzie nelle comunicazioni e presso l’Autorità Antitrust altrettante segnalazioni allo scopo di verificare, a carico di Mediaset ed Endemol, l’eventuale attivazione di pratiche commerciali scorrette nella gestione del televoto nel programma "Grande Fratello 11".

Comments are closed.