TLC. L’Agenda digitale del PD: neutralità tecnologica e Internet come servizio universale

L’Europa ha un’ambiziosa Agenda digitale; proprio qualche giorno fa la Commissaria Neelie Kroes ha sottolineato l’importanza di investire nelle infrastrutture per massimizzare l’accesso dei cittadini alla banda larga. I traguardi dell’Agenda europea sono, al 2013, di una banda larga "di base" per tutti che elimini completamente il digital divide e, al 2020, di almeno 30 Mb per tutti e di oltre 100 Mb per il 50% degli utenti domestici. Il mercato digitale viene ormai definito come la "quinta libertà", il cui sviluppo diventa prioritario per ogni Paese.

Ma l’Italia procede lenta: è l’unico grande paese a non avere un’Agenda digitale. Piuttosto ha un governo "televisivo" che taglia e discrimina i media diversi dalla tv.

A denunciarlo è il PD che avanza le sue proposte per arrivare, finalmente, ad un’Agenda digitale italiana. Sono 4 i grandi obiettivi attorno ai quali si articolano le proposte del PD: la garanzia del diritto d’accesso al digitale per tutti i cittadini; l’investimento sulle reti per assicurare a tutti i cittadini un’offerta adeguata e competitiva con gli altri paesi europei; lo sviluppo di contenuti digitali per contribuire a ridurre il divario della domanda italiana rispetto agli altri paesi europei; l’aggiornamento del quadro normativo e regolatorio per salvaguardare la neutralità della rete, semplificando il sistema e accrescendo la competitività delle imprese.

Sul tema della neutralità tecnologica il PD propone di accelerare il recepimento dei principi contenuti nel quadro europeo delle TLC e cominciare a pensare ad una cornice regolatoria che salvaguardi la libera navigazione nella rete dalla minaccia costituita dal peso preponderante dei circuiti chiusi costituiti attorno ai grandi motori di ricerca o al binomio tra device e applicazioni in piattaforme proprietarie.

Secondo il PD è fondamentale che l’Agcom definisca le regole di accesso e condivisione delle nuove infrastrutture per rendere possibili investimenti nella rete. La rete NGN dovrebbe essere realizzata privilegiando l’espansione della copertura rispetto alla competizione su limitate aree geografiche. Importante per l’infrastruttura di rete è la gestione della migrazione dal rame alla fibra. "È possibile pensare anche per le reti NGN sistemi di switch off che, garantendo l’accessibilità dei prezzi dei nuovi servizi di accesso, forzino l’utenza al passaggio alle nuove tecnologie".

Per quanto riguarda lo sviluppo dei contenuti digitali, il PD chiede con urgenza un intervento generale adottato insieme dallo Stato e dalle Regioni che da un lato acceleri la digitalizzazione della PA e delle imprese e dall’altro coordini gli investimenti ed i progetti di nuovi servizi. "L’intervento anti digital divide, coordinato tra Stato e Regioni, non può subire rallentamenti se si vuole raggiungere l’obiettivo di una copertura minima al 100% della popolazione entro 2 o 3 anni al massimo. Almeno una parte delle risorse promesse nel Piano Romani va effettivamente investita, sapendo che si tratta di interventi che producono comunque un positivo effetto anticiclico sull’economia".

Infine, l’accesso a Internet deve considerarsi un nuovo servizio universale; di conseguenza la politica di sviluppo dell’innovazione e di reti a banda larga promuovere l’inclusione sociale delle fasce di popolazione più deboli; garantire l’accesso a tutti i cittadini e le imprese, indipendentemente dall’ubicazione geografica e a costi accessibili; garantire l’accesso a tutti i contenuti che sulle reti vengono veicolati, senza forme di censura o discriminazione secondo il principio di neutralità della rete così definito dalla Fcc negli Stati Uniti "Tutti i consumatori devono avere il diritto di accedere a tutti i contenuti fruibili su Internet". In generale, si tratta di garantire livelli crescenti di inclusione, senza farsi abbagliare da un miope tecno-ottimismo: garantire la connettività è un prerequisito imprescindibile ma rappresenta solo il primo passo verso una vera cittadinanza digitale.

 

 

 

Comments are closed.