TLC. La truffa minaccia il settore, PS lancia servizio oline

D:Una Sezione del vostro sito dedicata alla sicurezza telematica, una risposta della P.S. alle diverse minacce nel settore delle comunicazioni? Quali dati recenti?

R: L’ICT (Information Comunication Tecnology) rappresenta il tessuto connettivo di tutte le attività istituzionali, economiche e sociali dei paesi moderni, nei quali ogni processo di vita della collettività, da quello più semplice come, ad esempio, la gestione della contabilità familiare, a quello più complesso, come la gestione del traffico aereo, è informatizzato. In tale contesto va collocata la nascita del "Commissariato di PS on line".
La stanza delle sicurezza telematica rappresenta una vera e propria centrale operativa vicina all’utente della Rete per un supporto professionale e specifico, in grado di fornire notizie e consigli utili per navigare sicuri. Parliamo di un’area specifica dove viene offerta all’utente la possibilità di approfondire tematiche del settore, effettuare denunce e segnalazioni, colloquiare tramite forum con gli esperti della materia di interesse.
Con questo moderno portale, prima ed unica esperienza in Europa, il cittadino contribuisce in ogni momento ad elevare i livelli di sicurezza, potendo in qualsiasi momento contare e riferire agli esperti della Polizia delle Comunicazioni fatti e cose che possono rappresentare un pericolo in agguato nella Rete.

D:Negli ultimi mesi stiamo assistendo a un’impennata di reclami per bollette a tre cifre causate da software pirata. Cosa ne pensa di questo fenomeno che le associazioni di consumatori denunciano da tempo?

R: Si tratta di un fenomeno che, purtroppo, è già da tempo alla nostra attenzione.
Il nostro costante impegno, svolto al riguardo, ha interessato una duplice attività di contrasto.
Da un lato, infatti, è stata rafforzata l’attività di repressione di tali reati, dall’altro abbiamo provveduto a mettere a disposizione degli utenti della Rete, sul sito web del Commissariato di Ps on line, una serie di informazioni complete, aggiornate e di facile consultazione relative sia alla prevenzione, che alla procedura da seguire nel caso in cui ci si ritrovasse vittime di tale fenomeno.
E’ questo il caso classico in cui la repressione da sola non basta. Sono necessarie misure di controllo amministrativo preliminari su chi commercialmente gestisce numeri telefonici a cd. "valore aggiunto".

D:Un cittadino vittima di dialers può effettuare la denuncia on line? In che modo?

R: Si: L’utente ha la possibilità di effettuare una denuncia on-line anche per questo tipo di reato. E’ necessario accedere al sito del Commissariato di PS. On-line, registrarsi seguendo una semplice procedura e compilare la denuncia comodamente dalla propria postazione, inviandola direttamente all’Ufficio della Polizia Postale e delle Comunicazioni prescelto.

D: Ad oggi quante le denunce pervenute, sono ridotti i tempi rispetto alla procedura tradizionale e quali risultati raggiunti? Potrebbe fare un breve bilancio?

R: I dati indicano che dal 15 febbraio, giorno di inizio attività del Commissariato di Ps on line, ad oggi i cittadini hanno sporto oltre 2500denunce, effettuato oltre 2800 segnalazioni ed inviato più di 5500 richieste di informazioni. Il sito ha registrato oltre 300.000 visite.
La nascita del Commissariato di Ps on line ha determinato, per gli operatori degli Uffici di Polizia " tradizionali", un alleggerimento del carico di lavoro su di essi gravante. Infatti, il cittadino che si reca in tali Uffici per ratificare una denuncia sporta on line indica all’operatore un codice numerico, con il quale potrà essere recuperata la denuncia sporta, che verrà, semplicemente, stampata e firmata dall’operatore e dal denunciante. Il bilancio è sicuramente positivo anche e soprattutto in considerazione della costante crescita del numero delle visite al sito del Commissariato Virtuale di nuovi utenti e di pari passo la richiesta di fruizione dei servizi offerti risulta in continuo aumento. Giova infine evidenziare l’ottimo feedback instaurato con gli utenti che, spesse volte, esprimono ringraziamenti per il servizio offerto e forniscono consigli e suggerimenti su come migliorarlo. E’ in via di realizzazione un questionario, compilabile on line, che chiederà ai cittadini di esprimere il loro gradimento in relazione ai diversi servizi da noi offerti.

D: In che modo le associazioni dei consumatori possono contribuire alla lotta contro le truffe telematiche?

R: Sicuramente l’apporto fornito dalle associazioni del consumatori è di fondamentale importanza, per questo è necessaria una sinergia di intenti e sforzi affinché il cittadino sia compiutamente informato sui rischi della Rete nonché tutelato legalmente nel caso in cui sia stato vittima di illeciti. Tale sinergia comporterà, in un immediato futuro, una diminuzione del numero delle vittime di tali reati e consentirà al cittadino di muoversi con tranquillità per le strade del web, libero di godere pienamente delle molteplici possibilità offerte oggi dalla nuova tecnologia.

a cura di Norma Zito

 

Comments are closed.