TLC. Landolfi firma decreto per numero unico europeo di emergenza. Soddisfatta l’Adoc

Il Ministro delle Comunicazioni, onorevole Mario Landolfi, ha firmato oggi il decreto che introduce anche in Italia il servizio numero unico europeo di emergenza previsto dalle direttive comunitarie. La prima città in cui sarà fornito il nuovo 112 è Salerno. Il decreto consentirà di individuare e localizzare il chiamante anche se anonimo e quindi di garantire in qualunque condizione interventi rapidi ed efficaci.

"Il numero di emergenza uguale in tutta Europa rappresenta un significativo passo in avanti nel processo di integrazione tra gli Stati dell’Ue anche sotto il profilo dei servizi ai cittadini" ha dichiarato il Ministro delle Comunicazioni, on. Mario Landolfi.

Soddisfatta si dice l’Adoc per la firma del decreto ministeriale: "Oggi il cittadino comunitario – commenta il Presidente dell’Adoc Carlo Pileri – ha una certezza in più. E’ infatti molto importante, specie per chi non si trova nel proprio paese, avere a disposizione un numero facile da ricordare, breve e uguale in tutta Europa". Per l’Associazione consumatori sarebbe utile ora prevedere alcune specificità per gli operatori che risponderanno al numero unico di emergenza.

"Avere la certezza che chi risponde – conclude Pileri – sappia parlare almeno due lingue (quella del paese da cui si chiama e l’inglese dovrebbero essere un obbligo), potrebbe assicurare un’assistenza effettiva in ogni paese interessato. Questa iniziativa è comunque positiva perché si colloca nella direzione, da noi sempre auspicata, di un servizio di tutela e di aiuto comunitario efficiente, efficace, coordinato".

 

Comments are closed.