TLC. MDC Sannio Valle Telesina: risolta controversia di un utente con Tiscali e Telecom

Disavventure al telefono: un cittadino riceve una richiesta di pagamento di oltre mille euro da Tiscali mentre Telecom gli stacca la linea per il mancato pagamento dell’ultima bolletta. Come uscirne? La vicenda si è chiarita con l’intervento del Movimento Difesa del Cittadino Sannio Valle Telesina, che ha ottenuto l’annullamento dell’intera somma richiesta da Tiscali e il riallaccio gratuito della linea telefonica da Telecom.

Ed ecco la vicenda: un cittadino iscritto all’associazione "ha ricevuto – spiega una nota – a fine settembre di quest’anno una lettera da uno studio legale su mandato della società Tiscali Italia S.p.A. che richiedeva il pagamento di 1.083,77 euro. La società Tiscali era convinta che fosse un loro cliente perché in famiglia qualcuno aveva accettato, nel 2007, una proposta contrattuale a distanza, fatta al telefono. Solo che l’utente non ha mai ricevuto alcuna copia del contratto e non ha mai firmato alcunché. Inoltre ha continuato a pagare tutte le fatture (canone e traffico telefonico) di Telecom Italia, dal 2007 al 2010, perché convinto di essere solo ed esclusivamente un cliente Telecom. Poi, purtroppo, al cittadino è stata staccata la linea telefonica, ad opera di Telecom, per non aver pagato, nonostante i ripetuti inviti ad adempiere, l’ultima bolletta che era pervenuta nello stesso periodo della lettera degli avvocati di Tiscali".

L’associazione ha chiesto la sospensione delle azioni di recupero credito da parte di Tiscali e copia della fonoregistrazione della proposta contrattuale a distanza, ha preannunciato presentazione di conciliazione innanzi al Corecom competente, e ha inoltrato a Telecom un reclamo per la cessazione della linea telefonica con richiesta di immediato ripristino, presentando inoltre domanda di conciliazione paritetica.

La manovra è andata a buon fine: "Dopo due settimane, 15 giorni circa, – spiega Giovanni Festa, presidente della sede MDC Sannio Valle Telesina – ho ricevuto da Tiscali, via email, il file audio in formato mp3 della registrazione vocale della proposta contrattuale a distanza, fatta al telefono, nel 2007. E pochi giorni fa la società Tiscali Italia S.p.A. mi ha comunicato, con una nota ufficiale, che in data 25 ottobre 2010, mediante l’emissione di una nota di credito di 1.083,77 euro, sono state annullate tutte le fatture sollecitate e pertanto nessun importo risulta dovuto. Anche con Telecom abbiamo risolto velocemente il caso concreto. Infatti, con verbale di conciliazione del 28 ottobre 2010, abbiamo stabilito e concordato la riattivazione della linea telefonica in esenzione spesa, gratis, previo il pagamento delle fatture insolute. Una volta pagate le fatture ed aver inviato le copie delle ricevute di avvenuto pagamento, Telecom Italia ha riattivato la linea telefonica con ri-assegnazione dello stesso numero al nostro associato".

Comments are closed.