TLC. Multa al Grande Fratello per bestemmie. Soddisfatta Adoc

L’Agcom ha inflitto una multa di oltre 50mila euro al Grande Fratello per le espressioni blasfeme pronunciate dai concorrenti. L’Adoc, che aveva denunciato più volte all’Authority i turpiloqui e i comportamenti diseducativi nella "casa", si dichiara soddisfatta della sanzione inflitta.

"Apprezziamo l’intervento dell’Agcom sul Grande Fratello, per la prima volta un programma è stato sanzionato per la pronuncia delle bestemmie durante la trasmissione – dichiara Carlo Pileri, Presidente dell’Adoc – una sanzione arrivata anche a seguito delle denunce dell’Adoc, che più volte aveva invocato l’intervento dell’Authority per le continue volgarità, di cui la bestemmia è la forma più grave, pronunciate nell’edizione in corso del Grande Fratello. Ci auguriamo che nel futuro l’Agcom possa emettere sanzioni ancora più significative per dissuadere i concorrenti e i programmi dal tenere comportamenti diseducativi. In tal senso chiediamo l’introduzione di un Codice di autoregolamentazione per i reality, attraverso il quale si possano vietare il turpiloquio e la messa in atto di scene violenti e immorali, in grado di minacciare l’integrità del nucleo familiare e dei minori."

Comments are closed.