TLC. Parere motivato Ue all’Italia per numero 112

La Commissione Europea ha inviato un parere motivato all’Italia e ad altri cinque Stati membri (Grecia, Lituania, Paesi Bassi, Slovacchia, e Portogallo) che non hanno messo a disposizione le informazioni sull’ubicazione del chiamante per tutte le chiamate al Numero di emergenza unico europeo 112. In particolare, il parere motivato costituisce l’apertura della seconda fase dei procedimenti di infrazione.

"La Commissione – ha dichiarato Viviane Reding, commissario responsabile della Società dell’informazione e dei mezzi di comunicazione – continua a vegliare attentamente alla corretta attuazione del quadro normativo comunitario per le comunicazioni elettroniche. Si tratta di un aspetto cruciale, soprattutto se si tiene conto delle consultazioni attualmente in corso sul futuro di tale quadro normativo È estremamente importante che le autorità nazionali di regolamentazione delle telecomunicazioni completino l’analisi dei mercati, così che vengano apprestati i rimedi eventualmente necessari a garantire un’efficiente concorrenza a beneficio dei consumatori e delle imprese nell’UE. Analogamente, in tutti gli Stati membri urge affrontare il problema della disponibilità delle informazioni sull’ubicazione del chiamante per il Numero di emergenza unico europe 112. Osservo comunque con piacere che abbiamo potuto chiudere 9 pratiche grazie ai progressi realizzati."

L’Esecutivo Ue ha inoltre istruito 9 nuove pratiche d’infrazione contro vari Stati membri. Non tutti gli Stati membri infatti hanno completato la prima fase delle analisi dei mercati a norma del quadro normativo 2002: sono state inviate lettere di costituzione in mora alla Danimarca, alla Germania, a Malta e al Portogallo. Nel caso dell’Estonia e del Lussemburgo, che hanno completato rispettivamente soltanto una e quattro analisi (sulle 18 richieste) è stato inviato un parere motivato. E’ stato chiuso il procedimento nei confronti della Repubblica ceca, che ha completato l’analisi di tutti e 18 i mercati rilevanti.

Comments are closed.