TLC. Portabilità, Altroconsumo contraria al “pin” proposto dall’Agcom

Risolta la questione sui tempi per la portabilità del numero mobile, si accende un altro dibattito che coinvolge operatori telefonici, utenti, Associazioni dei consumatori e Agcom. La prima Associazione dei consumatori a sollevare il problema è Altroconsumo che spiega l’oggetto della discussione: la delibera dell’Agcom sui tempi di portabilità introduce anche, da marzo 2010, una sorta di codice segreto obbligatorio per poter rendere operativo il passaggio a un nuovo operatore.

Si tratta di un "pin" che il vecchio operatore deve rilasciare al cliente quando questi decide di passare a un nuovo gestore telefonico; codice che deve poi essere comunicato al nuovo operatore per rendere valido il passaggio.

Secondo l’Autorità "questa soluzione rappresenterebbe una garanzia circa l’effettiva espressione di volontà dell’utente a passare da un operatore all’altro". Altroconsumo, invece, crede che questo "rischia di tramutarsi in un paletto alla concorrenza tra gli operatori e quindi alla libera possibilità di scelta da parte dei consumatori".

"In particolar modo – avverte l’Associazione dei consumatori – i gestori che detengono le maggiori quote di mercato potrebbero trovare escamotage e pratiche per ritardare e ostacolare la comunicazione del pin all’utente, in modo da rendere più difficoltoso il passaggio alla concorrenza".

Dunque il nuovo pin "potrebbe rappresentare un ostacolo alla libera concorrenza" e "se è vero che da un lato potrebbe risolvere il problema del passaggio a un altro operatore non autorizzato dall’utente (problema a dire il vero non così comune), dall’altro non è in grado di tutelare gli utenti da una pratica ben più importante e diffusa: quella dell’attivazione di ulteriori servizi non richiesti da parte del proprio operatore".

Altroconsumo ha inviato una lettera all’Agcom chiedendo all’Autorità di valutare altre soluzioni per limitare il problema della garanzia dell’effettiva volontà da parte dell’utente di cambiare operatore.

Comments are closed.