TLC. PosteMobile, ecco le tariffe del nuovo gestore

Mandare telegrammi, pagare bollette o trasferire denaro utilizzando il cellulare. Gli utenti del nuovo operatore PosteMobile (che farà concorrenza a Tim, Vodafone, Wind e 3) potranno avvalersi di nuovi servizi, con evidenti vantaggi in termini di tempo e spostamenti. Ma qual è l’offerta commerciale del nuovo gestore per quanto riguarda le tariffe? Gli utenti potranno scegliere fra tre diverse proposte, tutte prive di scatto alla risposta: "Con Tutti", "Con Noi" e "Con Tutti Premium", cui si aggiunge l’opzione "Con Te". Chi deciderà di aderire al contratto potrà mantenere il proprio numero di telefono o richiederne uno nuovo con il prefisso 3771. Ogni informazione è disponibile presso gli Uffici Postali, il sito di Poste Italiane e PosteMobile o al numero verde della società.

Ecco nel dettaglio i piani tariffari offerti dalla nuova compagnia telefonica:

Con Tutti:
Chiamate verso tutti i numeri fissi e mobili nazionali: 16 cent/min
SMS nazionali: 12 cent
Tariffazione a scatti da 30 secondi

Con Noi:
Chiamate verso numeri PosteMobile: 6 cent/min
Chiamate verso altri numeri nazionali: 22 cent/min
SMS verso numeri PosteMobile: 6 cent
SMS verso altri numeri nazionali: 12 cent
Tariffazione a scatti da 30 secondi

Con Tutti Premium:
Chiamate verso numeri PosteMobile: 6 cent/min
Chiamate verso altri numeri nazionali: 16 cent/min
SMS verso numeri posteMobile: 6 cent
SMS verso altri numeri nazionali: 12 cent
Tariffazione a scatti da 30 secondi

Opzione Con Te:
16 cent ogni 30 minuti, nessun costo di attivazione o canone mensile.

"La nascita di PosteMobile – ha dichiarato Massimo Sarmi, Amministratore delegato di Poste Italiane – conferma la capacità del Gruppo Poste Italiane di innovare, valorizzando le proprie piattaforme tecnologiche ed esplorando nuovi mercati". "Questo – ha aggiunto Sarmi – ci permette di offrire una gamma sempre più ampia di servizi ad alto valore aggiunto e di essere sempre più vicini al cliente con soluzioni assolutamente originali, semplici e sicure. Nel caso dei trasferimenti di denaro tramite telefonino, Poste Italiane è un precursore in campo mondiale. I nostri servizi puntano a trasformare radicalmente l’uso del telefonino. Con PosteMobile il cellulare non sarà più solo strumento di comunicazione in movimento, ma offrirà al cliente la libertà di inviare e ricevere denaro e quindi effettuare operazioni di pagamento o postali senza l’obbligo di recarsi allo sportello, semplificando così la vita di tutti i giorni".

Ma come si diventa cliente PosteMobile? Basta rivolgersi ad un ufficio postale e compilare l’apposito modulo di attivazione. I correntisti BancoPosta iscritti al servizio Bancopostaonline possono richiedere la SIM PosteMobile da Internet, collegandosi al sito di PosteMobile e Poste Italiane, e riceverla direttamente a casa. Per effettuare la ricarica, è sufficiente recarsi presso un qualsiasi ufficio postale, presso gli sportelli automatici Postamat o andare sul sito ufficiale del gestore. I correntisti BancoPosta online potranno utilizzare anche il web (www.poste.it). I tagli disponibili sono: 10, 15, 20 e 50 euro presso gli uffici postali; 10, 15, 20, 50, 80, 100 e 150 euro da internet e sportelli Postamat.

Utilizzando i servizi "semplifica" sarà poi possibile avvalersi di una serie di opportunità. Basta associare la SIM PosteMobile alla carta Postepay o al conto BancoPosta. Questi i vantaggi: Trasferire denaro dalla Postepay associata alla SIM verso altre Postepay: Ricaricare la propria SIM o un’altra SIM PosteMobile addebitando l’importo sulla Postepay associata: Conoscere il saldo e gli ultimi movimenti della Postepay o del conto BancoPosta associato. Presto saranno inoltre disponibili altri servizi che pemetteranno di: trasferire denaro ed effettuare ricariche telefoniche addebitando l’importo sul conto BancoPosta: ricaricare la propria Postepay da conto BancoPosta; pagare i bollettini postali; inviare telegrammi (con una modalità simile a quella dell’invio di sms) che saranno stampati e recapitati al destinatario da Poste Italiane.

 

Comments are closed.