TLC. Presentato al Governo il rapporto con le ipotesi di sviluppo della banda larga in Italia

Il consulente del Governo per la banda larga Francesco Caio, ha consegnato ieri al Ministro allo Sviluppo Economico, Claudio Scajola e al Sottosegretario con delega alle Tlc, Paolo Romani, il rapporto sulla situazione della banda larga in Italia. "Opzioni di politica industriale per la banda larga", è questo il titolo del documento, lungo circa 100 pagine, che ora sarà esaminato dal Governo.

Il rapporto contiene, si apprende oggi da alcuni quotidiani, tre ipotesi per lo sviluppo delle telecomunicazioni in Italia, inclusa la creazione di una società per la rete fissa. La prima ipotesi punta alla realizzazione di un’azienda per la rete, che con un misto di fibra ottica e rame, che permetterebbe la copertura di 100 città, arrivando nel 50% delle case. La seconda opzione punta soltanto sulla fibra ottica, garantendo una copertura del 25% delle case; l’ultima ipotesi è quella di un investimento pubblico limitato e la copertura di 10-15 città attraverso reti locali in fibra tramite partnership con privati.

Comments are closed.