TLC. Rai-Sky, Federconsumatori: “Le ricadute più negative sui telespettatori”

Il mancato accordo della Rai con Sky e l’uscita dei canali satellitari del servizio pubblico dalla tv Rupert Murdoch continuano a far parlare per i possibili cambiamenti dell’assetto televisivo complessivo. I Consumatori aggiungono un altro elemento: le possibili ricadute della situazione sui telespettatori. "Come già sostenuto dal Capo dello Stato, anche Federconsumatori sostiene con grande forza la necessità di giungere ad un accordo sulla vicenda Rai-Sky", commenta l’associazione. E il presidente Rosario Trefiletti aggiunge: "È pur vero, infatti, che l’allucinante situazione prospettata, qualora non si facesse l’accordo, comporterà gravi ricadute sulla Rai, su Sky e sull’intero assetto radiotelevisivo, ma ci si dimentica troppo facilmente che le ricadute più negative riguarderanno i cittadini telespettatori." La Rai infatti, in questa situazione, avrà meno risorse a disposizione e l’offerta Sky sarà privata dei canali generalisti del servizio pubblico.

"Noi auspichiamo – afferma Federconsumatori – che tutto venga risolto al più presto e la nostra Consulta Giuridica sta già verificando se, in caso di mancato accordo e di mancata emissione sul canale satellitare (ricordiamo che le trasmissioni di un Servizio Pubblico devono essere irradiate su tutte le piattaforme tecnologiche), vi saranno i presupposti per denunciare la Direzione Rai per violazione delle norme sul Servizio Pubblico". Se si modifica l’offerta Sky, aggiunge l’associazione, l’utente dovrà aver diritto alla disdetta del contratto.

 

Comments are closed.