TLC. Reti nuova generazione, Ministro Romani: “Apriamo la strada al 4G”

Il bando di gara per l’assegnazione dei diritti d’uso relativi alle frequenze in banda 800, 1800, 2000, 2600, sarà pubblicato il 25 giugno 2011 e si prevede di concludere le procedure – tramite il versamento degli introiti di aggiudicazione – entro il 30 settembre 2011, secondo quanto definito dalla legge di stabilità. E’ quanto ha deciso ieri il Comitato dei ministri, costituito ai sensi del DPCM 10 giugno 2011. Il Comitato ha esaminato i principi cui dovrà attenersi la procedura di gara e le relative tempistiche, definendo le basi d’asta. Con la procedura di gara, il governo attua uno dei pilastri fondamentali del piano Italia Digitale, dopo aver dimezzato il digital divide e aver messo in campo un innovativo progetto di sviluppo per le reti Ngn. L’Italia inoltre sarà tra le prime nazioni europee ad assegnare tali frequenze all’industria della telefonia mobile.

"Con l’insediamento del comitato dei ministri – ha dichiarato il Ministro dello Sviluppo Economico Paolo Romani – avviamo definitivamente la procedura per la più importante asta di frequenze mai attuata nel nostro Paese, data l’ampiezza dello spettro che sarà assegnata, pari a 255 mhz. Con la gara apriamo in Italia l’era del 4G – ha proseguito il Ministro – che consentirà a cittadini e imprese di usare internet in mobilità a banda larga. Il governo dunque crea le condizioni per una nuova fase di rilancio di un settore strategico, che può tornare a crescere a ritmi fortemente sostenuti, anche in quelle aree oggi in digital divide. Siamo impegnati a lavorare con grande determinazione per rispettare l’iter e le tempistiche indicate dal comitato – ha concluso Romani – in considerazione anche del contributo alla stabilità dei conti pubblici che giungerà dal completamento della procedura".

Comments are closed.