TLC. Roaming “anomalo”, MDC Lecce si rivolge a TIM

Una signora leccese si è vista accreditare sull’ultima bolletta TIM un numero considerevole di telefonate voce e di sms in roaming internazionale con BOUYGUES TELECOM – FRA e ORANGE – FRA. Niente di strano se quelle chiamate e quelli sms fossero stati indirizzati in Francia e non fossero state effettuate dal figlio della signora che è sempre rimasto a Lecce tra il 27 ed il 30 aprile 2007 a persone (padre, madre, zii ed amici) che non si sono mossi da Lecce e, comunque, erano in Italia.

La signora riuscirà a provare che tutte quelle telefonate ed sms non sono stati indizzati in quel paese estero e, sicuramente, TIM restituirà i soldi non dovuti. MDC Lecce si chiede, però, come possano verificarsi simili errori, che aumentano considerevolmente la bolletta telefonica, e ci domandiamo, anche, a quante altre persone possano essere accaduti fatti simili.

L’associazione ha contestato la circostanza a TIM indirizzando la lettera, per conoscenza, all’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni. La richiesta è che TIM chiarisca a noi ed all’AGCOM come sia potuto succedere quanto lamentato dalla signora Tina. Inoltre TIM garantisca che effettuerà controlli per risarcire gli altri utenti a cui possano erroneamente essere stati fatti simili addebiti e che metta in atto immediatamente misure idonee per evitare che simili errori possano ripetersi nei confronti dell’intera sua utenza. "Abbiamo effettuato i necessari controlli e non ci potremo accontentare del solo storno delle somme non dovute. Pretendiamo spiegazioni da TIM e vogliamo capire bene come ciò sia potuto succedere", ha affermato MDC Lecce.

Comments are closed.