TLC. Satellitari, Antitrust blocca il distacco da parte di Telecom

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha deciso di bloccare il distacco da parte di Telecom della linea telefonica degli utenti che non pagano la fatturazione dei numeri satellitari su richiesta di Elsacom, e che gli stessi affermano di non avere mai effettuato. La misura cautelare arriva dopo i risultati delle ispezioni effettuate nei confronti delle società Telecom Italia, Globalstar Europe, Elsacom, Csinfo, Eutelia, Karupa, 10993 s.r.l, Teleunit e Voiceplus.

Iniziativa importante perché tra le prime attuazioni della nuova disciplina in materia di pratiche commerciali scorrette. La decisione è stata presa a seguito di centinaia di segnalazioni, in gran parte ricevute attraverso il call center appositamente istituito, tra la fine del 2007 e l’inizio del 2008. Nelle denunce pervenute agli uffici dell’Autorità, gli utenti contestavano addebiti in bolletta per chiamate e/o connessioni verso numerazioni satellitari internazionali Elsacom (come 008818 e 008819) e numeri speciali non geografici (come 199, 178, 899, 892) mai effettuate. Secondo tali esposti, che l’istruttoria è diretta a verificare, Telecom, per parte sua, non avrebbe fatto nulla per evitare il fenomeno e avrebbe invece preteso l’immediato e integrale pagamento delle somme, paventando agli utenti, in caso contrario, il distacco dalla linea telefonica.

L’Autorità indagherà anche per verificare se, all’origine delle fatturazioni, vi sia l’installazione, da parte di società non riconducibili a Telecom Italia, durante la navigazione in internet, di "dialers" sull’hardware dell’utente a sua insaputa. I "dialers" sono programmi gestiti da piccole società, utilizzati come tramite per accedere a servizi a sovrapprezzo o a tariffazione speciale, che possono peraltro riprogrammare automaticamente il computer anche in successivi accessi a internet ed effettuare così chiamate non richieste.

L’Unione Nazionale Consumatori prende invece spunto dalla visita odierna dell’amministratore delegato di Telecom Franco Bernabè al Call center dell’Antitrust per ascoltare le lamentele dei consumatori e commenta, attraverso il segretario Massimiliano Dona, che si tratta di "un atto simbolico apprezzabile. Ora lo aspettiamo all’Unione Nazionale Consumatori per ascoltare e rispondere alle numerose proteste dei clienti Telecom: è un invito formale che ci auguriamo l’amministratore delegato Bernabè voglia accettare".

 

Comments are closed.