TLC. Servizi non richiesti, MDC ottiene condanna di risarcimento da Wind

Arrivano le prime sentenze favorevoli ai consumatori in tema di servizi non richiesti da parte delle compagnie telefoniche. Lo conferma il Movimento Difesa del Cittadino (MDC) che segnala quanto stabilito dal Giudice di Pace di Benevento (est. Dott. Francesco Cecere) nella Sentenza n. 1604 del Dicembre del 2007. Il caso portato all’attenzione del Giudice è emblematico. Una associata dell’MDC si era vista disattivare la linea telefonica con la società Tele 2 da parte di Wind Infostrada con cui non aveva mai stipulato alcun contratto. Di fronte alle fatture che richiedevano il pagamento di un servizio mai richiesto e della mancata adesione della Wind al tentativo di conciliazione, l’utente era costretto ad andare in giudizio per far dichiarare la nullità della pretesa.

All’esito della causa, che ha visto l’esibizione di un contratto risultato falso e la chiamata in giudizio anche della società che Wind utilizzava per procacciare i contratti e dell’agente incaricato della stipula porta a porta, il Giudice ha a dichiarato nulle le pretese creditorie nei confronti dell’utente e condannato la Wind al risarcimento dei danni conseguenti al proprio operato e alle spese legali ritenendo non conforme ai doveri di correttezza e buona fede.

 

Comments are closed.