TLC. Servizi non richiesti: nuove tutele per il consumatore

Sanzioni più aspre in materia di servizi tlc non richiesti con l’adozione anche di misure cautelari. Il Consiglio dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, presieduto da Corrado Calabrò, ha stabilito di dare immediata attuazione ad un piano di rafforzamento degli interventi regolamentari a tutela dei consumatori, nel quadro di una costante e trasparente collaborazione con le stesse associazioni.

Sulla base delle proposte formulate dalle associazioni, durante l’audizione che si è tenuta lo scorso 23 ottobre, l’Autorità ha deciso:

  • l’istituzione di un tavolo permanente di consultazione con le associazioni, al fine di rendere più rapida ed efficace l’azione dell’Autorità a tutela dei consumatori e degli utenti;
  • la pubblicazione sul sito web Agcom in maniera puntuale ed aggiornata di tutti i provvedimenti sanzionatori;
  • il rafforzamento della regolamentazione e l‘inasprimento delle sanzioni in materia di servizi non richiesti e uso abusivo delle numerazioni, con l’adozione anche di misure cautelari;
  • l’adozione di forme di fatturazione completamente separate fra telefonia di base e servizi aggiuntivi;
  • la diffida per tutti gli operatori a rispettare le regole vigenti, che prevedono che non possa in nessun caso essere sospeso il servizio telefonico di base in pendenza di dispute o in generale in caso di insolvenza relativa ai servizi addizionali;
  • l’emanazione – per quanto di competenza dell’Autorità e sulla base delle indicazioni scaturite da un‘indagine conoscitiva del Consiglio Nazionale degli Utenti – di norme a tutela dei minori per un uso consapevole dei telefoni cellulari.

"Oggi è una data da ricordare nella storia della tutela dei consumatori. Con le decisioni prese dall’autorità, a seguito dell’audizione tenuta il 23 ottobre 2006, cambia radicalmente la posizione degli utenti rispetto alle società di tlc. In particolare, oltre all’istituzione del tavolo permanente di consultazione, di fondamentale importanza sono i provvedimenti contro i servizi non richiesti e l’uso abusivo delle numerazioni". Lo ha dichiarato Antonio Longo, Presidente del Movimento Difesa del Cittadino (MDC), commentando l’annuncio dell’Agcom per provvedimenti a tutela degli utenti di telefonia.

"L’inasprimento delle sanzioni e la nuova regolamentazione rafforzano il diritto degli utenti a non vedersi addebitati servizi mai richiesti e puniscono le aziende inadempienti – continua Longo – Ancora più importante è l’adozione di forme di fatturazione completamente separate fra telefonia di base e servizi aggiuntivi; il Movimento Difesa del Cittadino chiedeva da anni questo provvedimento che porrà fine alle situazioni di vero e proprio "taglieggiamento" che aziende tlc e fornitori di contenuti hanno finora attuato a danno degli utenti".

"Apprezzabile, conclude l’associazione, l’annuncio di provvedimenti a tutela dei minori per un uso consapevole dei telefoni cellulari. Con queste scelte l’Autorità guidata da Calabrò conferma appieno l’indipendenza di giudizio e di decisione ai fini di una effettiva tutela del mercato e degli utenti, parte debole".

"Decisioni tempestive e definizione di regole puntuali – aggiunge Paolo Landi, segretario generale Adiconsum- possono impedire abusi del mercato nei confronti degli utenti. Ci attendiamo ora di poter risolvere al Tavolo istituito dall’Autorità anche il problema delle interruzione di linea del telefono mobile non più dovute a motivi tecnici, ma al business dello scatto alla risposta".

Anche l’Unione Consumatori ritiene apprezzabile il provvedimento dell’Autorità Garante delle Comunicazioni. "Questo – dichiara in una nota l’associazione – lascia intendere che sono state accolte le istanze portate avanti dalle associazioni durante l’audizione periodica svoltasi il 23 ottobre scorso innanzi al presidente Corrado Calabrò. Di rilievo anche la decisione di inasprire le sanzioni nei confronti dei gestori telefonici per i servizi non richiesti. Una battaglia questa che l’Unione Consumatori porta avanti già da diverso tempo".

 

Comments are closed.