TLC. Smartphone oltre la crisi, i modelli più venduti e apprezzati secondo l’indagine Altroconsumo

In tempi di crisi, mentre i consumi tradizionali calano, i dispositivi tecnologici resistono. Lo dimostrano le vendite dei telefonini che, tra il 2009 e il 2010, sono aumentate del 32%. Se parliamo di smartphone, poi, la crescita si fa ancora più interessante: +72% nello stesso periodo. Ma quali sono le marche e i modelli più venduti? E quali sono le funzioni più utilizzate?

Altroconsumo ha condotto un’indagine su circa 4.000 consumatori italiani, spagnoli, portoghesi, belga e brasiliani. Dall’indagine emerge che gli smartphone più acquistati sono quelli pieni di funzioni, ma le funzioni realmente utilizzate sono ben poche.

C’è però da fare una differenziazione tra gli utenti che acquistano smartphone di fascia bassa, per sostituire il vecchio cellulare, e quelli che investono in un apparecchio di alta gamma. Per quanto riguarda la prima categoria, il 68% degli italiani non utilizza il proprio smartphone per navigare nei social network; soltanto l’8% scarica applicazioni con regolarità e meno del 12% ha sostituito il navigatore Gps con il proprio smartphone. Se si considera la seconda categoria il quadro cambia: la navigazione in Internet e l’email superano gli sms; il 30% degli utenti iPhone navigano nei social network; il 47% scarica applicazioni con regolarità e il 43% utilizza la funzione Gps.

I modelli più diffusi e apprezzati sono i Nokia e gli iPhone (entrambi comprono la metà degli smartphone campione dell’indagine). In Italia oltre un terzo dei modelli in circolazione è iPhone; il resto del mercato se lo dividono Blackberry, Htc e Samsung.

E l’iPhone vince anche nella classifica di soddisfazione: al primo posto c’è l’iPhone 4, al terzo l’iPhone 3GS, al quarto l’iPhone 3G. Al secondo posto c’è l’Htc Desire. Di questi modelli gli intervistati apprezzano soprattutto la facilità d’uso, la reattività dello schermo touchscreen e l’enorme disponibilità e qualità di applicazioni da scaricare (questi tre modelli, infatti, pescano dall’AppStore o dall’Android Market).

Ma se l’iPhone vince per soddisfazione degli utenti, non risparmia i problemi tecnici, soprattutto durante le chiamate; mentre l’Htc Desire sembra non averne: gli utenti non segnalano alcun problema negli ultimi 12 mesi.

Il punto debole per la maggior parte degli smartphone, anche per i primi tre in classifica, è l’autonomia della batteria. Il migliore sotto questo punto di vista è il Nokia E72, giudicato davvero soddisfacente da più di un intervistato su due. In generale i maggiori problemi con questi apparecchi si rilevano durante l’utilizzo di internet (e di tutte le attività che richiedono un collegamento al web) e durante la normali chiamate voce.

Importante, per questo tipo di dispositivi, è il sistema operativo utilizzato: iOS (soprattutto la più recente versione 4) e Android (presente quasi su uno smartphone su 5) sono i più diffusi e anche i più apprezzati perché sono i sistemi operativi che hanno la maggiore quantità e qualità delle applicazioni disponibili nei rispettivi negozi virtuali rispetto a sistemi operativi che in certi casi (come ad esempio le vecchie versioni di Symbian e di Windows Mobile) non hanno neppure un punto di riferimento centralizzato dove poter trovare applicazioni e software da scaricare.

Infine, le applicazioni: quasi 3 italiani su 4 scaricano app; il 40% ne ha scaricate meno di una decina, ma c’è un 3% che ne ha già scaricate più di 100. In ogni caso gli italiani (ma non solo loro) preferiscono optare per applicazioni gratuite: circa l’80% infatti delle app scaricate non erano a pagamento.

 

Comments are closed.