TLC. Sospesa la pubblicità “10 SMS gratis” di Zero9. Antitrust avvia istruttoria

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha aperto una istruttoria per pratica commerciale scorretta nei confronti della società Zero9 per la pubblicità on line ’10 SMS gratis’. L’ipotesi è che i consumatori si trovino abbonati a servizi a pagamento senza avere la possibilità di conoscere i costi da sostenere.

Il messaggio – spiega in una nota l’Autorità – lascia intendere che sia possibile inviare 10 sms gratis mentre in realtà propone l’abbonamento ad un servizio di suonerie, loghi e altri prodotti per cellulari, al quale si aderisce automaticamente con il semplice inserimento del proprio numero di cellulare nel sito internet della società Zero9, a cui farà seguito la ricezione di un SMS con i codici di accesso al servizio. Gli utenti si ritrovano così vincolati a scaricare, entro un termine prestabilito, un pacchetto di contenuti a scelta, al costo di 5 euro a settimana, scalati automaticamente dal credito telefonico. L’importo dei 5 euro, che peraltro costituisce unicamente il canone settimanale dell’abbonamento, è indicato nel messaggio con caratteri molto piccoli. I costi aggiuntivi per l’invio di sms verso numerazioni speciali e per il traffico generato dal download (lo scaricamento da internet dei contenuti), sono presenti unicamente nella sezione Info e Costi a cui rinvia il messaggio. Nel sito non sono inoltre evidenziate chiaramente le modalità per recedere dall’abbonamento e per bloccare, quindi, il meccanismo di invio automatico delle suonerie.

In attesa della chiusura dell’istruttoria l’Antitrust ha sospeso in via d’urgenza la pubblicità. In particolare, il garante teme il "rischio di danni per i consumatori, compresi gli adolescenti, tra i principali fruitori di queste tipologie di servizi per cellulari, che navigando su Internet possono accedere all’offerta".

 

 

 

Comments are closed.