TLC. Tar Lazio: Agcom deve esprimersi su ricorso Codacons su tariffe sms

L’Agcom dovrà esprimersi formalmente sui costi degli sms in Italia. Nell’ambito di un ricorso presentato dal Codacons, su ordine del Tar del Lazio si riapre l’istruttoria sui costi eccessivi degli sms in Italia. È quanto informa l’associazione sottolineando che il Tar "ha accolto un ricorso presentato dal Codacons, ordinando all’ Autorità per le Comunicazioni di ‘esprimersi formalmente sulla diffida del Codacons’, con la quale l’associazione chiedeva all’Agcom di disporre un ribasso delle tariffe dei messaggini, al fine di uniformare i costi alla media europea".

La questione riguarda la diminuzione dei costi degli sms, che in Europa sono in media di 7,5 cent a messaggio, mentre in Italia sono più cari, anche se le società telefoniche, ricorda l’associazione, hanno di recente presentato un progetto di ribasso del prezzo da 15 a 13 cent, considerato però insufficiente. Per questo il Codacons "aveva diffidato l’Agcom a disporre una più sostanziosa diminuzione delle tariffe dei messaggini in favore degli utenti. L’Autorità però – attraverso una nota che ora il Tar ha ritenuto illegittima – rifiutò la richiesta dell’associazione. I giudici hanno accolto la richiesta del Codacons, riaprendo l’istruttoria sui costi degli sms e ordinando all’Agcom di esprimersi in sede di Consiglio sulla diffida presentata dall’associazione, fissando in 30 giorni il termine entro cui ottemperare alla disposizione".

Comments are closed.