TLC. Telecom Italia, Federconsumatori: “Servizio sempre peggiore”

Peggiora sempre di più, secondo Federconsumatori, la qualità del servizio telefonico di Telecom Italia, che ha raggiunto quest’anno 8 milioni di reclami e 4 milioni di guasti. L’associazione richiama così l’Autorità per le garanzie nelle comunicazione e la stessa società a un impegno formale verso una decisa azione di miglioramento. "Il presente anno ha visto crescere in maniera eclatante – spiega in un comunicato Federconsumatori – le disfunzioni e i disagi sofferti dai clienti dei servizi telefonici: aumento dei guasti, aumento dei reclami per servizi non richiesti, per numerazioni a sovrapprezzo e per addebiti di consumi non fatturati in precedenza, ecc".

L’associazione, per questo, ritiene "inaccettabile che possano essere proposti, ma ancor di più accettati dall’Autorità, obiettivi di qualità" che non impegnano Telecom Italia a conseguire risultati soddisfacenti. In particolare, Federconsumatori segnala:

  • la presenza di 8 milioni di reclami (pari al 33% dei clienti ed al 4,5% delle fatture emesse);
  • il fatto che ogni telefono pubblico può essere fuori servizio per 26 giorni;
  • circa 1,7 milioni di bollette sbagliate (obiettivo "accuratezza della fatturazione" misurato sui rimborsi riconosciuti) pari al 22% dei clienti che hanno reclamato e all’1,5% delle fatture emesse;
  • la mancanza di un obbligo di qualità per Telecom neanche per l’accessibilità all’operatore dei servizi di assistenza clienti 187 e 191;
  • il peggioramento del tasso di malfunzionamento dall’attuale 13% fino al 17,5%, il ché consente che possano tranquillamente andare fuori servizio un numero di linee pari a 3,5 o 4,7 milioni.

Comments are closed.