TLC. Telecom scheda i clienti, Vodafone aumenta richiesta risarcimento

Vodafone Italia ha presentato oggi alla Corte d’Appello di Milano "la documentazione relativa alle azioni anticoncorrenziali di Telecom Italia", nell’ambito della denuncia per abuso di posizione dominante presentata lo scorso luglio, ed ha aggiornato da 525 a 759 milioni la richiesta di risarcimento danni. Allo stesso tempo, come informa una nota, una segnalazione è stata trasmessa alla Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni e all’Autorità per la Concorrenza, con la richiesta di un nuovo intervento urgente per porre fine all’evidente abuso di posizione dominante che Telecom ha messo in atto attraverso condotte che provocano gravi danni a Vodafone, a causa dei profitti persi per l’illecita sottrazione della clientela, compromettendo le dinamiche concorrenziali dell’intero mercato delle telecomunicazioni".

In particolare, Vodafone ha richiesto alle Autorità "misure di separazione amministrativa tra le unità organizzative commerciali fissa e mobile di Telecom, l’imposizione all’operatore dominante dell’obbligo di offrire accesso al database dei clienti fissi agli altri operatori mobili che operano in regime di concorrenza ed il divieto di formulazione di offerte commerciali al dettaglio in mancanza di una corrispondente offerta all’ingrosso per garantirne la replicabilità". Vodafone Italia, infine, resta "fermamente convinta che le sedi naturali per la risoluzione dei problemi concorrenziali causati da Telecom Italia siano quelle delle due Autorità indipendenti. Il ricorso all’azione civile presso la Corte d’Appello di Milano, proposta nel luglio scorso, si riferisce invece alla richiesta di risarcimento dei danni subiti".

TLC. Tim scheda i clienti, Vodafone la cita in giudizio

 

Comments are closed.