TLC. Telemarketing aggressivo, dal Senato via libera all’emendamento Malan

La maggioranza e il governo hanno dato il via libera, in Senato, al provvedimento che, tra l’altro, proroga il regalo agli operatori di telemarketing a danno della privacy degli utenti dei servizi di telefonia e in violazione delle norme comunitarie in materia. E’ quanto rende noto l’Aduc spiegando: "Gli italiani che continueranno per altri mesi e mesi a subire il martellamento telefonico dei venditori di tutte le risme sapranno chi ringraziare".

Ora il provvedimento passera’ alla Camera a l’Aduc ha annunciato fin d’orauna dura contestazione.

"I cittadini verranno disturbati da una quantità incredibile di telefonate pubblicitarie, anche se non hanno mai dato il loro consenso alle chiamate". Mauro Paissan, componente del Garante privacy, sottolinea così "gli effetti negativi dell’emendamento approvato dal Senato sulle telefonate promozionali, che finirà col danneggiare lo stesso telemarketing, che apparirà sempre più invadente e insopportabile".

"Si tratta di un errore. Gli utenti telefonici – afferma Paissan – verranno bombardati di messaggi e si vedranno costretti a iscriversi a un apposito registro per opporsi. Ma questi registri non hanno funzionato in nessun paese dove sono stati istituiti. E comunque molti cittadini, soprattutto gli anziani, troveranno molta difficoltà a manifestare il loro dissenso".

"Infine – conclude Paissan – l’Italia con questa norma si rende responsabile di un’ulteriore infrazione comunitaria e Bruxelles ce la farà pagare".

 

Comments are closed.