TLC. Televoto a Sanremo, Pileri: “Nessuna irregolarità”

Nessuna irregolarità nel corso delle operazioni di televoto relativamente ai giovani e al ripescaggio dei Vip nella serata di ieri del Festival di Sanremo. E’ quanto sostiene Carlo Pileri, Presidente Adoc, che insieme a Massimiliano Dona, osserva e garantisce la correttezza e la trasparenza del sistema.

"L’andamento del voto, costantemente monitorato, non fa ritenere possibile un voto gonfiato da call center o altri sistemi di votazione automatizzati – dichiara Pileri – pertanto si ritiene che tali modalità di votazione siano da escludere, pur non avendo mezzi tecnologici per verificarlo".

Tuttavia, puntualizza il Presidente, "sul sistema del televoto rimangono i dubbi per quando riguarda il voto misto giuria e televoto. Difatti il meccanismo premia il voto della giuria, in particolare dell’orchestra, che prevale sul televoto in caso di parità. In tal modo il primo nella classifica della giuria passerebbe comunque a prescindere dal televoto, al pari chi risultasse primo al televoto anche se avesse ottenuto una quantità di voti pari a tutti glia altri messi assieme, se fosse ultimo nella classifica della giuria potrebbe non passare. Per questo il televoto rischia di essere un voto praticamente superfluo".

Comments are closed.