TLC. Vodafone, Antitrust chiude procedimento senza sanzione

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha chiuso senza sanzione il procedimento nei confronti di Vodafone per violazione della normativa sulla concorrenza. L’Antitrust ha deciso di accettare, infatti, gli impegni presentati da Vodafone – rendendoli vincolanti – nell’ambito dell’istruttoria avviata il 23 febbraio 2005 anche nei confronti di Telecom e Wind.

Secondo l’Autorità, i due contratti definitivi stipulati da Vodafone, con BT e con il gruppo Carrefour, e il contratto preliminare con Poste Italiane, viste anche le diverse caratteristiche dei soggetti (un operatore di telefonia fissa, un operatore della grande distribuzione e un operatore attivo nei servizi postali) consentono l’offerta di gran parte delle tipologie di servizi mobili finali.

Il contratto sottoscritto da Vodafone con BT Italia per la fornitura di servizi di accesso alla propria rete wholesale è stato considerato dall’Autorità un elemento decisivo: BT potrà erogare un’ampia gamma di servizi di comunicazione alla propria clientela in tecnica GSM, GPRS e UMTS e, in particolare, competere nell’offerta di servizi integrati fisso-mobile e mobile-mobile in special modo alla clientela aziendale. Le condizioni economiche sulla terminazione, inoltre, consentono a BT Italia di formulare offerte fisso-mobile ai clienti aziendali che siano in concorrenza con quelle formulate da Vodafone.

Secondo l’Antitrust, infine, "il contratto preliminare con Poste Italiane S.p.A. conferma concretamente la disponibilità di Vodafone alla negoziazione della fornitura di servizi di accesso alla propria rete anche ad altri operatori, e assume particolare rilevanza vista la capillarità della rete di punti vendita di cui Poste Italiane S.p.A. dispone".

Comments are closed.