TRAFFICO. Lecce, MDC: “Cittadini, impugnate le multe degli Ausiliari”

Con una sentenza emessa ieri, la Corte di Cassazione ha precisato l’obbligo dei comuni di realizzare parcheggi liberi accanto alle aree a pagamento. "Era tempo che, insieme al Codacons, sostenevamo questa tesi". E’ il commento del Movimento Difesa del Cittadino che Lecce che adesso auspica una presa di posizione del Comune e della SGM.

"Riteniamo – continua la nota dell’associazione – anche, che sino a che SGM non attua la delibera sull’avviso bonario tutte le multe siano illegittime. Inoltre incentiviamo a Lecce l’utilizzo della vernice bianca impugnando le multe degli Ausiliari del Traffico".

L’associazione invita i cittadini lecesi a fare ricorso al Giudice di Pace avverso le multe della Sgm e per questo ha predisposto un modulo che si può scaricare gratuitamente cliccando qui.

L’Unione Nazionale Consumatori annuncia, invece, che "denuncerà per abuso di ufficio, ai sensi dell’art. 323 del Codice penale, tutti i Sindaci che, su fondata e comprovata segnalazione degli automobilisti, non hanno provveduto a realizzare, accanto alle zone di parcheggio a pagamento, adeguate aree destinate al parcheggio gratuito. L’associazione, inoltre, predisporrà a giorni un modulo (disponibile sul sito www.consumatori.it) per fare ricorso contro le multe illegittime, prevede la reclusione da 6 mesi a 3 anni per i Sindaci che, in violazione dell’art. 7 del Codice della strada, non hanno predisposto adeguate aree di parcheggio gratuito accanto a quelle a pagamento.

Clicca qui per scaricare la sentenza della Corte di Cassazione.

Comments are closed.