TRAPORTI. Privatizzazione Alitalia, Tesoro disposto a cedere l’intera quota

In relazione alla privatizzazione di Alitalia, il Tesoro ha pubblicato on line la lettera di procedura con la quale vengono comunicati ai potenziali acquirenti della compagnia aerea il contenuto e le modalità di presentazione delle offerte vincolanti da presentare al ministero dell’Economia e delle Finanze. Il Tesoro, laddove l’acquirente selezionato ne facesse richiesta, potrebbe vendere l’intera quota del 49,9% della compagnia aerea e non solo il 39,9%. "Il ministero – si legge nella lettera – cederà, su richiesta dell’acquirente selezionato, le residue n. 138.958.598 azioni ordinarie di Alitalia detenute, rappresentative di una partecipazione pari a circa il 10% del capitale sociale di Alitalia".

Qualora l’acquirente selezionato non sia interessato a rilevare l’intera quota detenuta dal Tesoro, spiega la lettera, "il ministero si impegnerà a non aderire all’offerta pubblica di acquisto conseguente all’acquisto delle azioni e a gestire la stessa alla stregua di un operatore economico privato". L’offerta vincolante sarà "incondizionata e irrevocabile per un periodo di 180 giorni dalla data di presentazione", che è stata stabilita tra le ore 13 e le 17 del 2 luglio prossimo. Per Alitalia sono consentite fino a questa data "aggregazioni tra Partecipanti".

Scarica la lettera del Tesoro in PDF

Comments are closed.