TRASPORTI. Alitalia, CdA: “Si prevede un 2007 migliore del 2006”

Il primo trimestre 2007 ha fatto rilevare una perdita operativa pari a 91 milioni di euro con un miglioramento di 36 milioni rispetto a quella del primo trimestre 2006. Lo ha reso noto il Consiglio di Amministrazione di Alitalia, che si è riunito ieri sera sotto la presidenza di Berardino Libonati, con all’ordine del giorno anche la situazione patrimoniale al 31 marzo 2007. A livello di risultato netto è stata registrata una perdita pari a 135 milioni di euro, in miglioramento di 24 milioni rispetto a quella riscontrata al 31 marzo 2006.

Per il 2007 Alitalia conferma il conseguimento di un risultato operativo in miglioramento rispetto a quello del 2006, pur considerando riflessi di carattere negativo dovuti alle agitazioni sindacali. La Compagnia, con la mediazione del Ministero dei Trasporti, comunica, comunque, che ultimamente si sta raggiunto un’intesa con tutte le Organizzazioni sindacali,ad eccezione della SDL.

Per il 2008, il CdA non fa previsioni prima della conclusione dell’attuale fase di privatizzazione di Alitalia. Su indicazione del Tesoro, il management di Alitalia sta definendo il piano industriale della compagnia per i prossimi tre anni, a prescindere dalla gara di privatizzazione in corso. "Il socio di maggioranza – si legge nella nota di Alitalia – ha formalmente invitato il consiglio di amministrazione ad attivarsi, a prescindere dall’operazione di privatizzazione in corso, per definire le linee guida che siano alla base di un Piano industriale sostenibile per il prossimo triennio in un contesto di continuità aziendale".

Comments are closed.