TRASPORTI. Alpi Eagles, CEC invita i passeggeri insoluti a presentare domanda di insinuazione

Si è aperta a maggio scorso la procedura fallimentare a carico di Alpi Eagles presso il Tribunale di Venezia. Già da allora il Centro Europeo Consumatori invitava i passeggeri che avevano subito la cancellazione del volo e non avevano ancora ottenuto il rimborso del biglietto, di partecipare alla procedura presentando domanda di insinuazione al passivo entro la data del 6 giugno 2008.

Tuttavia oggi il CEC fa sapere che c’è ancora tempo per presentare tale domanda in quanto l’udienza di verifica dello stato passivo, inizialmente prevista per il 1° luglio, è stata rinvita al 29 settembre.

Cosa possono ancora fare questi consumatori-passeggeri?
I passeggeri in questione, e tutti i creditori in generale, che non hanno presentato la domanda di insinuazione al passivo entro il termine appositamente fissato a tal fine, hanno ancora la possibilità di presentare domanda tardiva ai sensi dell’art. 101 della legge fallimentare.
La domanda di insinuazione andrà ovviamente corredata da valide prove comprovanti il proprio credito (quali ad esempio copia del biglietto aereo, prova dell’avvenuto pagamento, copia delle lettere di richiesta di rimborso inviate al vettore aereo) e dovrà essere presentata presso la Cancelleria del Tribunale di Venezia (Sezione Fallimentare, Rialto, S. Polo 119 – 30100 Venezia).

Il Centro Europeo Consumatori (CEC) di Bolzano è a disposizione per ulteriori informazioni e consigli. E’ possibile contattarlo via e-mail (info@euroconsumatori.org) oppure telefonicamente al n. 0471/980939 dal lunedì al venerdì dalle ore 8 alle 16.

Comments are closed.