TRASPORTI. Anas, bilancio estivo: aumenta il traffico, diminuiscono gli incidenti

Code e rallentamenti ma meno blocchi autostradali, aumento del traffico con una percentuale di oltre il 13% sulla Salerno-Reggio Calabria, ma complessivamente meno incidenti. È il bilancio di fine stagione estiva (45 i giorni considerati) tracciato oggi dall’Anas, dalla Polizia Stradale, da Autostrade per l’Italia, da Aiscat e Aci. Ha commentato il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Altero Matteoli: "Sia l’esodo che il controesodo estivo si sono svolti in condizioni più che accettabili considerata la crescita del traffico rispetto allo scorso anno. Credo che questa notizia, unita alla diminuzione degli incidenti e dei morti nel periodo, sia un risultato da cogliere positivamente, nella consapevolezza che dobbiamo tutti, ai vari livelli di responsabilità, proseguire in questo non facile lavoro".

"Le vacanze brevi che hanno caratterizzato questa estate – ha spiegato il presidente dell’Anas Pietro Ciucci – hanno determinato una crescita del traffico complessivo rispetto agli anni precedenti. Sull’autostrada A3 Salerno-Reggio Calabria si è registrato un aumento dei transiti di oltre 13 punti percentuali rispetto al 2009 in direzione Sud ma, a differenza di altri Paesi, la gestione del traffico e i nuovi 210 km aperti al traffico hanno consentito di evitare le situazioni critiche che si verificavano in passato".

Ha aggiunto il presidente dell’Automobile Club d’Italia, Enrico Gelpi: "Il bilancio dell’esodo evidenzia due grandi risultati positivi: da una parte, la diminuzione degli incidenti sulle strade delle vacanze, segno di una maggiore prudenza degli automobilisti grazie anche all’aumento dei controlli delle Forze dell’Ordine e alle nuove norme varate dal Parlamento; dall’altra, il miglioramento dei flussi di circolazione, frutto della nuova attenzione degli italiani per una mobilità sostenibile".

I dati dell’andamento del traffico sulla Salerno-Reggio Calabria parlano di un flusso superiore rispetto agli anni passati. Complessivamente, informa l’Anas, sono stati registrati, in direzione sud, 1 milione e 790 mila transiti (+13,3% rispetto al 2009), con la giornata record per il 2010 che è stata sabato 7 agosto, con 72.490 passaggi (+30,5% rispetto al 2009). Il picco si è registrato alle ore 22.00 di venerdì 6 agosto, con 4.154 transiti l’ora. Da segnalare che è ulteriormente cresciuta la tendenza a partire per le vacanze anche alla fine di agosto: negli ultimi due giorni infrasettimanali del 30 e 31 agosto sono transitate verso sud oltre 62.000 autovetture (+54,2% rispetto al 2009).

Per quanto riguarda gli incidenti, nei 45 giorni del periodo estivo considerato "si è fortemente ridotto il numero degli incidenti, scesi da 242 a 158 (-35% rispetto al 2009), un dato sicuramente positivo se si tiene presente che sull’intera rete autostradale italiana l’incidentalità è scesa del 6% rispetto al 2009. Sull’A3, invece, è cresciuto il numero dei feriti che sono aumentati da 73 a 122 e purtroppo delle vittime: i decessi sono passati da 1 del 2009 ai 5 del 2010. Tutti i casi sono dovuti all’alta velocità".

"Dai dati che abbiamo elaborato – ha detto il presidente Ciucci – riceviamo la conferma che gli italiani prima di partire si sono informati, si sono documentati, hanno cercato di conoscere lo stato del traffico attraverso i numeri telefonici dedicati o la consultazione del web, per scegliere i giorni e gli orari migliori".

Comments are closed.