TRASPORTI. Automobili “verdi”, Greenpeace: l’Europa sia più ambiziosa

Greenpeace chiede all’Europa obiettivi più ambiziosi nella riduzione delle emissioni di CO2 delle automobili. "La prossima settimana – afferma l’associazione – i ministri dell’Industria europei dovranno adottare una strategia sui veicoli ‘verdi’ e a basso consumo. Chiediamo all’Ue di fissare obiettivi più ambiziosi: 80 grammi di CO2 per kilometro entro il 2020 e 50 grammi di CO2 per kilometro entro il 2030. L’Unione europea si è data nel 2009 degli obiettivi troppo poco ambiziosi: le auto vendute dovranno emettere in media 130 grammi di CO2 per kilometro entro il 2015 e 95 grammi di CO2 per kilometro entro il 2020".

Secondo l’associazione, che fa riferimento a uno studio realizzato dal Centro inglese per la Responsabilità e la Sostenibilità (BRASS), è possibile raggiungere l’obiettivo di 80 grammi di CO2 al 2020 attraverso soluzioni quali l’aumento delle auto ibride ed elettriche e il passaggio ad auto più piccole e meno potenti. "I ministri dell’industria europei – conclude Greenpeace – devono riconoscere che l’unico modo per rilanciare la competitività del settore automobilistico europeo è indirizzarlo verso veicoli a bassi consumi e basse emissioni. Ma questo è possibile solo con una normativa ambiziosa e limiti più stringenti".

Comments are closed.