TRASPORTI. Benevento, Consumatori diffidano Azienda Trasporto Locale

Le Associazioni nazionali dei consumatori (Movimento Difesa del Cittadino, Codacons, Federconsumatori, Lega Consumatori, Cittadinanzattiva) hanno deciso di denunciare pubblicamente la vergognosa situazione perdurante alle fermate degli autobus urbani di Benevento gestiti dalla Amts.

Da mesi – si legge in una nota diffusa oggi – le "paline" di molte zone della città non riportano più alcuna indicazione, costringendo i cittadini letteralmente ad immaginarsi orari e tragitti spesso richiesti all’autista. Una situazione assurda che conferma una grave mancanza di interesse per gli utenti da parte della Amts.

Ancora una volta – sottolinea Francesco Luongo dell’MDC – siamo costretti a prendere atto che le più elementari necessità di informazione dei cittadini vengono trascurate da una azienda partecipata dal Comune, tra l’altro in contrasto con i principi di efficienza ed efficacia, di corretta informazione e di partecipazione degli utenti stabiliti dal codice del consumo e dalla Legge Regionale sui trasporti. Naturalmente a fare le spese della mancanza di informazioni sono le fasce deboli quali anziani, disabili, studenti, per non parlare dei pochi malcapitati turisti che visitano Benevento che, di fatto, non hanno alcuna possibilità di visitarla se non a piedi.

Le associazioni preso atto di una situazione informativa del trasporto urbano ritenuta da terzo mondo, hanno deciso di diffidare pubblicamente l’AMTS a voler finalmente chiarire all’utenza cittadina e non quali siano gli autobus in circolazione e quali ne siano i percorsi e gli orari. Infine Movimento Difesa del Cittadino, Codacons, Federconsumatori, Lega Consumatori, Cittadinanzattiva, chiedono alla attivare un confronto serio su una serie di problematiche legate alla qualità del servizio fornito, ritenuto carente, quali la sicurezza del viaggio, la regolarità del servizio, la pulizia e le condizioni igieniche dei mezzi, la confortevolezza del viaggio ed eventuali servizi aggiuntivi oggi assenti.

Comments are closed.