TRASPORTI. Caos in Francia, bloccati molti turisti. Adoc: autobus sostitutivi

I trasporti francesi sono nel caos a causa dello sciopero generale indetto per oggi. La Dgac, direzione generale dell’aviazione civile francese, fa sapere il normale flusso del traffico aereo sarà disturbato. Dgac raccomanda pertanto alle compagnie aeree di ridurre del 25% il loro programma di voli sugli aeroporti di Orly e di Roissy, ed invita i passeggeri aerei ad informarsi presso i loro vettori. Quanto ai trasporti ferroviari, continua anche oggi lo sciopero del personale delle ferrovie (Sncf), per cui – fa sapere Trenitalia i treni a lunga percorrenza da e per la Francia registreranno delle variazioni rispetto al normale programma di circolazione. Il dettaglio dei servizi interessati è consultabile cliccando qui.

La protesta sindacale comporterà, inoltre, per l’intera giornata di oggi, la cancellazione dei treni regionali delle linee Ventimiglia – Cuneo e Breil Sur Roya – Nizza, nella tratta Ventimiglia – Limone Piemonte.

Molti i turisti italiani che stanno subendo le conseguenze dello sciopero: l’Adoc sta ricevendo , infatti, centinaia di chiamate da turisti italiani rimasti bloccati in Francia. "Lo sciopero generale sta bloccando il ritorno in Italia dei turisti, a centinaia sono fermi a Parigi con il volo o il treno cancellato – dichiara Carlo Pileri, Presidente dell’Adoc – chiediamo pertanto che venga immediatamente attivato un servizio sostitutivo di autobus per far rimpatriare i nostri connazionali. Crediamo sia una soluzione percorribile e necessaria, sono molto gli italiani in vacanza in Francia anche adesso, considerando che siamo ancora nel periodo estivo. Accusiamo, invece, le compagnie aeree che non hanno bloccato le prenotazioni dei voli in corrispondenza di uno sciopero generale programmato da tempo o che comunque non hanno informato i consumatori in modo chiaro e corretto sui rischi legati alla prenotazione di un volo di questi giorni. Auspichiamo che in tal senso venga adottata una regola a livello europeo che impedisca l’insorgere di tali situazioni".

Comments are closed.