TRASPORTI. Casper contro Trenitalia: nessuna riunione con Moretti

Il water-dono di gennaio non è proprio piaciuto a Trenitalia, che bolla come "volgari" le associazioni di consumatori che "osano criticare l’operato della società, e le esclude da tutti gli incontri con l’azienda finalizzati a discutere le esigenze degli utenti che utilizzano il trasporto ferroviario". Ma le associazioni aderenti a Casper-Comitato contro le speculazioni e per il risparmio (Adoc, Codacons, Movimento Difesa del Cittadino e Unione Nazionale Consumatori) non ci stanno. E ribattono: "Volgare è chi viene indagato dalla magistratura, perché coinvolto nella vicenda P4 legata a Luigi Bisignani. I consumatori, con costoro, non vogliono avere niente a che fare, e per tale motivo le associazioni di Casper non parteciperanno ad alcuna riunione futura con Trenitalia, almeno fino a quando Mauro Moretti ricoprirà la carica di AD".

La posizione di Trenitalia, che ha bollato le associazioni come volgari, emerge dalla memoria difensiva depositata dalla società al Tar del Lazio, dove pende un ricorso di Casper contro l’aumento delle tariffe ferroviarie. Nella memoria si legge: "Il comitato Casper con comunicato stampa preannunciava una clamorosa manifestazione che si sarebbe svolta in concomitanza con il citato incontro tra le parti del 13.1.2011. Tale manifestazione di Casper, lungi dall’essere animata da sobrietà e spirito collaborativo, prevedeva la consegna di un "cesso a Trenitalia", con invito ai "giornalisti ad assistere alla consegna del regalo ai vertici FS" per dimostrare l’asserito disagio degli utenti per la pulizia delle toilette dei vagoni ferroviari. Tale presa di posizione, oltre che risultare volgare e gratuitamente offensiva, non solo nei riguardi degli amministratori ma anche dell’intero gruppo FS, appariva come irragionevole e provocatoria […] Tale atteggiamento inaccettabile ha indotto il Gruppo FS a proseguire il confronto con tutte le Associazione dei consumatori, senza l’apporto degli aderenti a Casper".

Quindi, sottolinea Casper, Trenitalia ha discriminato volontariamente le associazioni che hanno mosso critiche al suo operato, "dimostrando totale spregio nei confronti delle istanze degli utenti e dei suoi clienti – spiegano Adoc, Codacons, Movimento Difesa del Cittadino e Unione Nazionale Consumatori – A nostro avviso, volgare è chi viene indagato dalla magistratura, perché coinvolto nella vicenda P4 legata a Luigi Bisignani". Da qui l’annuncio che le associazioni non parteciperanno a nessuna riunione futura fino a quando Moretti sarà amministratore delegato dell’azienda.

Comments are closed.